Recensione TicWatch E2: miglior Android Wear, ma lontano dalla perfezione

0

BUONI AMAZON GRATIS su Telegram > UNISCITI

Abbiamo provato e testato a fondo il nuovo smartwatch TicWatch E2: costa poco, è ben fatto, funziona bene, ma è imperfetto. Pro e contro di TicWatch E2

TicWatch E2: la prova completa

TicWatch torna alla riscossa con un nuovo smartwatch bello, ben fatto, economico e con Android Wear, il tutto proposto ad un prezzo senza dubbio interessante e allettante.

Abbiamo provato a fondo TicWatch E2 e di seguito vediamo cosa ne pensiamo di questo nuovo smartwatch caratterizzato dal rapporto qualità/prezzo assolutamente invidiabile.

In breve

TicWatch E2 è ancora il miglior dispositivo Android Wear in commercio: costa la metà dei concorrenti, offre ottime prestazioni.

MA si differenzia poco dai precedenti modelli e non è ancora perfetto. Il prezzo basso, comunque, ci fa chiudere un occhio sui difetti.

Diciamo che mi sarei aspettato un pò di più da questo TicWatch E2, che comunque resta un prodotto molto valido considerando il prezzo di 150 euro circa.

Caratteristiche 

A livello hardware, TicWatch E2 monta uno schermo AMOLED da 1.39 pollici ed è dotato di cinturino (intercambiabile) da 22 mm, mentre è spesso 12 mm (un pò spesso, ma necessario per contenere la batteria da 415 mAh).

Il processore è uno SnapDragon 2100 (non recentissimo, avrei preferito il 3100), la RAM arriva a 768 MB e ci sono anche 4GB di memoria interna.

Questo nuovo TicWatch E2 è anche impermeabile fino a 5ATM: lo puoi usare tranquillamente sotto la doccia e in piscina per nuotare. Non manca ovviamente il sensore per i battiti sul retro.

Manca ancora NFC, così come manca lo speaker/altoparlante (presente invece il microfono per inviare note vocali).Sinceramente li avrei graditi molto, anche a fronte di un leggero aumento del prezzo del prodotto.

Nella scatola

In confezione troviamo, oltre a TicWatch E2, il caricabatterie proprietario e le istruzioni. In realtà il caricabatterie è solo un cavo magnetico, visto che manca l’adattatore da parete (per risparmiare sui costi).

Materiali e design

Spessore a parte, si vede subito che TicWatch E2 è un prodotto economico.

Non mi fraintendere: è ben fatto, bello, ben assemblato, non ha alcun difetto o problema, ma è interamente realizzato in plastica opaca, quella che non prova neanche a nascondere che è un materiale povero. Insomma, TicWatch E2 costa poco e si vede. 

L’uso della plastica, comunque, lo rende molto leggero e al polso praticamente non si sente.

Con una cassa da 46mm TicWatch E2 non passa inosservato al polso. Anzi, se hai un polso piccolo questo smartwatch si nota fin troppo (sul polso della mia ragazza stonava decisamente: era semplicemente enorme).

Passando al cinturino, niente di particolare da segnalare: silicone nero, di buona fattura, non dà alcun fastidio, ma non fa certamente gridare al miracolo in termini di qualità. Fortunatamente i cinturini su TicWatch E2 possono essere cambiati in pochi istanti (sono universali, basta usare quelli da 22mm).

Segnalo solo che il cinturino originale in silicone cattura polvere e sporcizia, proprio come il modello precedente. La cosa positiva, invece, è che si può indossare l’orologio durante allenamenti anche intensi senza rischiare di rovinarlo.

Ultima cosa da segnalare: c’è un solo pulsante laterale che permette di aprire l’app drawer o di tornare indietro nei vari menù. Tenendolo premuto si attiva Google Assistant.

Performance

Nonostante il processore non sia l’ultimo modello, le prestazioni di questo TicWatch E2 sono comunque ottime (lo Snapdragon 3100 infatti ha il grande vantaggio di risparmiare più batteria, ma la potenza non cambia di molto).

Nell’uso quotidiano TicWatch E2 apre e gestisce le app senza problemi, senza scatti o rallentamenti. Tutto funziona velocemente, le animazioni sono belle e rapide e in generale non ho mai notato alcun tipo di problema.

RAM e processore sono più che sufficienti per garantire ottime prestazioni.

Display

Molto bene. MOLTO.

Schermo AMOLED, 400×400 pixel: si legge bene sempre, si vede bene sempre, risoluzione ottima, i pixel non si notano, i colori sono ben riprodotti, accesi e brillanti. Amo gli schermi AMOLED, soprattutto su smartwatch.

La luminosità automatica funziona bene e anche sotto al sole (invernale) lo schermo si legge bene.

Presente modalità always-on per leggere l’ora che consuma poca batteria.

Segnalo infine che le cornici laterali, oltre ad essere spesse, sono anche un pò più alte del display e lo proteggono da graffi o urti.

Software

C’è poco da dire: abbiamo Wear OS con tutti i pro e i contro. A me piace molto: è un sistema veloce, leggero, reattivo, scattante, con tante app da scaricare che ci permettono di personalizzare tutte le funzionalità.

Si naviga comodamente e facilmente tra i menù, ci sono tante gestures e swipe e in generale l’interfaccia si controlla in modo semplice e immediato.

Oltre alle app di Google, ci sono anche alcune app pre-installate dall’azienda come TicHealth, l’app fitness tracking di Mobvoi (si può comunque usare Google Fit in alternativa). Segnalo che gli sport che può tracciare questa app non sono però moltissimi: corsa outdoor, corsa indoor, camminata outdoor, ciclismo, allenamento libero e nuoto.

Ovviamente possiamo usare il Play Store per scaricare e installare tutte le app che vogliamo (come Google Maps, Twitter, Hangouts e altro).

Come già detto, il software è ben ottimizzato e gira sempre fluido, snello e veloce.

Fitness Tracking

Parliamo ora di prestazioni relative alla rilevazione dell’attività fitness, aspetto da non sottovalutare quando parliamo di smarwatch di questo tipo.

Personalmente preferisco Google Fit a TicHealth, ma sono gusti personali. La cosa comoda è che i dati di Google Fit sono sul cloud e, in caso di cambio smartwatch, restano salvati, mentre quelli dell’app TicHealth vanno persi con l’orologio. E poi il recente aggiornamento di Google Fit me lo ha fatto apprezzare molto più che in passato.

Parlando invece di precisione di questo TicWatch E2, ti posso dire che in generale i dati raccolti sono paragonabili a quelli del Fitbit Charge 3 e nel complesso mi è sembrato abbastanza preciso. Non ai livelli di Garmin da 400 o 500 euro, ma comunque abbastanza preciso.

Grande novità di TicWatch E2 è il supporto al nuoto (non supportato su Google Fit). Durante l’allenamento in piscina viene usata la tecnologia TicMotion per rilevare bracciate, stile e altre informazioni: anche qui la precisione è buona, ma ogni tanto si perde qualche bracciata/vasca e non sempre riconosce lo stile del nuoto.

Passando al sensore dei battiti cardiaci, anche qui la precisione è buona, ma non ai massimi livelli. Il problema è sempre rappresentato dal fatto che la rilevazione avviene al polso e non sul cuore, con tutti gli errori di calcolo che ne conseguono e che affliggono tutti gli smartwatch. Mi posso comunque ritenere soddisfatto delle rilevazioni effettuate da TicWatch E2.

Batteria e autonomia

Mobvoi promette 48 ore di autonomia con TicWatch E2 e la sua batteria da 415 mAh.

io sinceramente non ci sono mai arrivato (lasciando lo schermo sempre acceso con luminosità bassa). In generale arrivo a sera con il 30-40%, quindi riesco a fare un giorno e mezzo e poi devo caricare il dispositivo. In pratica, però, alla fine l’ho caricato ogni notte in modo da non perdere le rilevazioni durante il giorno, ma in questo modo non sono riuscito a monitorare il sonno.

Disattivando lo schermo sempre acceso si ottiene qualche ora aggiuntiva di autonomia, ma 2 giorni non si fanno mai. E’ chiaro però che l’autonomia di questi prodotti dipende molto dall’uso personale: usandolo per monitorare corsa e attività fisica con GPS attivo, è impossibile superare una giornata e a volte anche arrivare a sera (in base a quanto usiamo il GPS).

Nel complesso comunque un giorno di autonomia è sempre garantito con TicWatch E2. 

Differenze E2/S2

Ad eccezione del design, le uniche differenze riguardano il supporto allo standard militare MIL-STD-810G del modello sport e la presenza in quest’ultimo dell’algoritmo TicMotion per tracciare in automatico l’attività fisica e il supporto al nuoto.

Conclusioni

In conclusione cosa dire di questo TicWatch E2?

Senza guardare il prezzo, indubbiamente è un prodotto valido ma inferiore rispetto alla concorrenza. Considerando invece che costa solo 150 euro, direi che è ancora il miglior smartwatch Android Wear in commercio.

Certo, lontano dalla perfezione (materiali, NFC mancante, niente speaker, batteria non eccezionale, processore vecchio..), ma per questa cifra è difficile chiedere di più. 

Tutti i concorrenti costano infatti almeno 300 euro, a meno che tu non voglia comprare uno smartwatch “vecchio” approfittando delle offerte di Amazon, dove comunque devi spendere almeno 200 euro.

Nel complesso penso che sia un ottimo prodotto, adatto a tutti. Costa il giusto, ha tante funzioni interessanti e ora è anche impermeabile.

E’ consigliato anche a chi ha il modello vecchio visto che qui abbiamo schermo migliore, impermeabilità, più batteria, sensore luminosità e altri vantaggi.

Cerchi smartphone scontati? Comprali al miglior prezzo su >>> Amazon!

VUOI AMAZON MUSIC UNLIMITED GRATIS? SCOPRI COME!

Vuoi ricevere ogni giorno i nostri articoli via email GRATIS? Scrivi la tua email qua sotto

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here