Recensione Vernee Apollo in Italiano: Android 6, 5.5″, 21MP ed Helio X25

Dopo l’Elephone S7, anche Vernee parte all’attacco con Apollo che si presenta sul mercato come il best buy di inizio 2017. Ecco la nostra recensione in Italiano di Vernee Apollo

In questi ultimi mesi stiamo cercando di provare quanti più smartphone Cinesi e nel panorama dei top di gamma sicuramente troviamo una vera new entry. In particolare Vernee continua a sfornare ottimi dispositivi dal rapporto qualità prezzo incredibile. Ora però l’azienda vuole fare il salto di qualità andando a presentare il suo top di gamma.

Si chiama Vernee Apollo e con il suo prezzo aggressivo unito ad un corpo in unibody in metallo ed un hardware di tutto rispetto strizzano l’occhio a top di gamma più blasonati e che costano molto di più. Ecco la nostra recensione.

vernee-apollo-5

Recensione Vernee Apollo

note      SCHEDA TECNICA

  • Display 5.5 pollici con risoluzione 2k 1920 x 1080 pixels
  • CPU MediaTek Helio X25 Deca Core con frequenza a 2.5Ghz
  • GPU Mali T880
  • Sistema operativo Android 6.0 Marshmallow
  • RAM 4GB
  • Memoria interna 64GB espandibile con microSD fino a 128GB
  • Fotocamera posteriore 21.0MP f/2.0 con flash a LED
  • Fotocamera anteriore 8.0MP
  • Sensori Luminosità, Gravità, Giroscopio, Sensore di prossimità
  • Connettività 3G, 4G, Bluetooth 4.0, GPS (A-GPS), GSM, WiFi
  • SIM Dual SIM dual standby, Nano SIM / Micro SD card
  • Network 2G: GSM 850/900/1800/1900MHz, 3G: WCDMA 900/2100MHz, 4G: FDD-LTE 800/1800/2100/2600MHz
  • Batteria 3.180 mAh non removibile
  • Dimensioni e peso 152×75.6×9.3mm per 188 grammi

stack      CONFEZIONE

La confezione è molto grande e di cartone nero con delle righe argentate. Al suo interno troviamo il visore VR molto bello e plastica e gomma con una buona qualità costruttiva, la fascia per il visore, una cavo USB Type-C / USB ed un carica batterie USB per la ricarica veloce dello smartphone, lo spillo per estrarre la SIM oltre che un piccolissimo manuale di qualche paginetta su come usare lo smartphone ma sopratutto il visore VR. Non ci sono le cuffiette.

vernee-apollo-11

phone      MATERIALI E DESIGN

Il design di questo Apollo non è proprio originale, infatti è identico a OnePlus 3 quasi in tutto e per tutto. Infatti troviamo un corpo in unibody in alluminio satinato, molto bello da vedere e da toccare ma è scivolosissimo e quindi è obbligatoria una cover in gomma.

E’ completamente in metallo ed i bordi sono ben rifiniti, oltre che sulla parte frontale essere davvero minimal perchè sono presenti solo la cassa, il sensore di prossimità e la fotocamera anteriore, niente tasti visto che sono virtuali a schermo.

vernee-apollo-6

Sui lati troviamo a sinistra lo slot ibrido per SIM e microSD, a destra invece il bilanciere del volume e il tasto accensione/stand-by. Nella parte superiore i jack da 3,5mm ed infine sulla parte inferiore i due speaker e l’attacco USB Type-C. 

Infine sul retro è presente la fotocamera che è leggermente sporgente, il piccolo flash a LED ed il lettore di impronte digitali circolare molto bello.

truck      PESO E DIMENSIONI

Il display da 5.5 pollici fa la sua bella figura, i suoi 188 grammi di peso sono ben distribuiti, e le dimensioni sono pari a 152 mm di altezza, 75.6 mm di larghezza e 9.3 mm di spessore donano al Vernee Apollo tutta la sua maestosità anche se lo spessore è notevole rispetto alla concorrenza ma grazie ai bordi posteriori leggermente stondati permettono di ottenere comunque una maneggevolezza accettabile ma non proprio per chi ha mani piccole.

Purtroppo il metallo posteriore permette di non avere nessun grip e dunque è obbligatorio l’utilizzo di una cover in gomma per ridurre la possibilità di caduta.

vernee-apollo-5

Tutto sommato, per un 5.5 pollici, si può usare anche con una mano sola con un notevole vantaggio per l’ergonomia e praticità d’uso. Il peso poi è ben distribuito e quindi non si sente un dispositivo pesante in mano anche se è pesante quasi 200 grammi (188 per la precisione).

Video recensione Vernee Apollo

megaphone      RICEZIONE

La ricezione è ottima anche se ho notato qualche problema quando passa dal 4G al 3G dove in molti casi è lento nell’agganciare la cella e dunque si resta qualche secondo senza rete, comune a tutti i dispositivi d’oriente. E’ supportata anche la banda 20 da 800MHz e dunque non avrete problemi con Wind ed il 4G.

vernee-apollo-19

Il Wifi ha il protocollo a/b/g/n dual band e si comporta molto bene ed è molto veloce nei download senza blocchi o cadute di segnale anche a distanze considerevoli, ha il bluetooth versione 4.1. Infine ha anche il GPS e la radio FM da ascoltare con le cuffie inserite.

Purtroppo non c’è l’NFC ma poco importa.

clock      BATTERIA 

La batteria da 3180 mAh è ben ottimizzata ed anche con un utilizzo intensissimo siamo arrivati a sera, dalle 7 alle 20. Si poteva fare di più ma l’hardware generoso ed il display “succhiano” tanta energia.

Con il carica batterie in dotazione, da 2.5A, potremo ricaricare completamente la batteria dello smartphone in circa 1 ora e 30 minuti. Quindi anche a metà giornata una ricarica da 10 minuti vi permetterà di arrivare a notte inoltrata senza problemi.

vernee-apollo-18

Purtroppo avrei preferito una batteria leggermente più grande, oppure un migliore ottimizzazione software, così da dover restare lontano dalla presa di corrente tranquillamente per tutto il giorno ed inoltre segnalo che il dispositivo scalda poco durante la ricarica ed anche il carica batterie non diventa bollente.

settings      HARDWARE

L’hardware di questo Vernee Apollo è importante, il processore Helio X25 è un deca core con frequenza fino a 2.5GHz ed abbinata alla GPU Mail T880 e 4Gb di RAM permettono di ottenere prestazioni incredibili anche se alcune volte va in affanno forse per qualche problemino software che sicuramente verrà aggiornato con i prossimi rilasci.

Anche sotto stress non si nota un riscaldamento eccessivo. Con i giochi, Apollo si comporta benissimo anche se alcune volte il frame rate si abbassa spaventosamente e per quanto riguarda la connettività troviamo l’LTE fino a 150 Mbps, il bluetooth 4.0 ed il Wi-fi a/b/g/n a doppia banda assicurano una connettività estesa e prestante. Peccato manchi l’NFC.

vernee-apollo-15

Lo slot per il Dual SIM è come al solito ibrido, o 2 SIM oppure 1 SIM ed una microSD per espandere la memoria interna interna che è da 64GB quindi spazio a sufficienza per foto e documenti.

Il lettore di impronte digitali, posto sul retro, è molto buono ed ha un riconoscimento pari all’80% delle impronte digitali. Il doppio speaker posto nella zona inferiore restituisce un buon suono anche al massimo del volume con un suono pulito e leggermente distorto agli alti. Non abbiamo visto il secondo microfono per la riduzione del rumore ma l’audio in chiamata e ricezione è comunque pulito.

Video recensione Vernee Apollo in Italiano

display      DISPLAY

Tra le caratteristiche di alto livello di questo Vernee Apollo troviamo il display che con il suo 5.5 pollici con risoluzione 2K restituisce colori naturali e mai saturi anche se un po spenti ma dalle impostazioni standard dei MediaTek ed impostare un livello di saturazione più elevato in modo da ottenere colori sparati secondo i vostri gusti.

vernee-apollo-8

La tecnologia IPS è ormai consolidata e fornisce un ottima resa cromatica. L’angolo di visuale è ottimo e la resa del bianco buona. Inoltre sotto la luce del sole si legge bene ma qualche riflesso c’è poiché la superficie è leggermente riflettente.

params      SOFTWARE E SISTEMA OPERATIVO

Il software del Vernee Apollo è Android 6 Marshmallow con personalizzazioni della casa Cinese pari a zero se non per le solite personalizzazioni del software standard MediaTek come la presenta del turbo download, la possibilità di cambiare le impostazioni dei colori del display, la possibilità di attivare o disattivare i tasti a schermo e qualcos’altro.

Sono zero le applicazioni installate se non per la GoVR Player che permette di utilizzare il visore VR in regalo con le applicazioni ed i video forniti dentro l’app. Un plauso a Vernee perchè il software è pulito dai software spazzatura ed inoltre è completamente in Italiano (anche se qualche voce qua e la in Inglese a troverete) ed è preinstallato il Google Play Store.

camera      FOTO E VIDEO

La fotocamera posteriore è da 21 megapixel con f/2.0 mentre quella anteriore è da 8 megapixel. Quella posteriore assicura scatti davvero ottimi ed è veloce (non velocissima) nello scatto segno che il software standard della fotocamera di MediaTek è stato leggermente rivisto anche se il mio consiglio è di tenere ben fermo lo smartphone per fare scatti decisamente ottimi.

Con l’applicazione fotocamera stock gli scatti hanno una cattura della luce ottima, anche in notturna, buoni dettagli catturati e la modalità HDR funziona bene, la messa a fuoco è leggermente lenta e quindi scordatevi uno scatto “al volo” perchè serve un po di pratica.

vernee-apollo-16

I video, anche in 4K, sono buoni anche se la messa a fuoco non è continua e quindi nei potrete avere qualche problema di messa a fuoco. Anche la fotocamera frontale è discreta e con un buon grado di cattura, di 84°, dove potrete catturare tanti volti nel selfie.

Le dimensioni delle foto vanno dai poco più di 2.5MB per foto con scarsa luminosità e circa 8MB con tanta luce mentre i video hanno dimensioni in FullHD occupano circa 420MB per ogni minuto di registrazione ed in 4K sfondiamo circa 700MB, sempre per ogni minuti di registrazione. I video sono registrati in formato 3GP.

Foto fatte con Vernee Apollo

Vernee Apollo

like      CONCLUSIONI

Consiglio di comprare questo dispositivo visto il prezzo di vendita molto aggressivo, infatti su GearBest non è difficile trovarlo a circa 240 euro ed offre prestazioni molto interessanti anche se bisogna scendere a qualche compromesso.

Il design, bello ma non innovativo di questo Vernee Apollo che vuole copiare OnePlus 3, ed un’ottimizzazione software accettabile unito ad un’hardware importante potrebbero far decollare ancor di più questo Apollo che per poco più di 200 euro è un vero best buy per un’utenza non esigentissima.

Poi troviamo molti punti a favore dove la presenza della banda 20, processore e RAM ben sfruttati con quest’ultima che non viene mai riempita anche se sono presenti qualche lag e blocchi anche se molto rari.

Sinceramente preferisco Vernee Apollo ad Elephone S7 e ve lo spiegherò in una prossima recensione.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here