Crollo delle vendite degli Smartphone del 20%: Apple quella più in crisi

0

BUONI AMAZON GRATIS su Telegram > UNISCITI

Crollo pari ad un quindo dell’intero mercato degli smartphone in Cina con vendite molto al di sotto delle aspettative con Apple che è quella che paga di più di questo momento di stallo

Crollo delle vendite degli Smartphone del 20%: Apple quella più in crisi

I dati di spedizione pubblicati a marzo 2019 in Cina parlano chiaro, dove si segnala un crollo del 20% di smartphone spediti ed Apple sarebbe quella più colpita da questa ondata negativa. Il crollo è uno dei più importanti dal 2013 ad oggi, quindi in 6 anni si assiste ad una flessione del mercato molto marcata, e sebbene in Cina ci siano tanti produttori locali, gli altri soffrono, ed Apple sarebbe quella più colpita da questo crollo, con i nuovi iPhone che non riescono a trainare le vendite, anche le tirano al ribasso.

Febbraio è sempre stato un mese nero in Cina, con il crollo delle vendite un po in tutti i settori, che dopo le festività del Capodanno, tira i remi in barca con i soldi che sono stati spesi tutti durante le feste per il nuovo anno. Questo però non giustifica il -20% sulle vendite degli smartphone, ma potrebbe anche centrare le tensioni commerciali tra USA e Cina, che potrebbero di fatto portare ad un crollo delle vendite globali.

Gli analisti, rincarano la dose, poiché il calo vistoso delle vendite degli iPhone, è anche da imputare alla scarsa capacità di innovare di Apple, che dunque mai prima d’ora si trova ad inseguire, tecnologicamente parlando, i suoi diretti concorrenti che viaggiano sempre a velocità maggiori.

Se Apple piange, c’è chi come Huawei, Samsung e i tanti brand Cinesi, si gongolano su questi dati, che mettono in difficoltà l’azienda Americana erodendo quote importante di mercato.

Se qualcosa non cambia sia nel mondo degli smartphone (andiamo a tutto pieghevole) che nel mondo software, ecco che Apple potrebbe perdere il treno delle prime una volta per tutte.

VUOI AMAZON MUSIC UNLIMITED GRATIS? SCOPRI COME!

Non perderti tutte le ultime news! Abbonati gratuitamente alla nostra newsletter

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here