Rimodulazione Vodafone Dal 16 Settembre Aumenti Fino A 3 Euro In Più Al Mese

0

Rimodulazione Vodafone: dal 16 Settembre 2018 arriveranno aumenti fino a 3 euro al mese sulle offerte Vodafone Relax o Vodafone Red Abbonamento. Ecco chi saranno i clienti Vodafone che dovranno pagare di più a partire da metà Settembre 2018

Vodafone Aumento Tariffe Da Settembre 2018

Ci risiamo: Vodafone annuncia nuove rimodulazioni: alcune offerte costeranno 3 euro in più al mese. 

Brutte notizie arrivano per molti clienti che hanno un abbonamento mobile con Vodafone. 

Da Settembre 2018 infatti Vodafone aumenta i prezzi per molti clienti!

Presto dunque molti dei clienti in abbonamento dell’operatore rosso saranno costretti a subire rincari, aumenti e rimodulazioni alle proprie tariffe, che arriveranno a costare fino a 3 euro in più al mese.

Vediamo di seguito cosa accadrà e soprattutto chi subirà i rincari di Vodafone che vengono comunicati proprio in queste ore tramite fattura e sito internet dall’operatore telefonico ai propri clienti.

Aumento Vodafone da Settembre 2018: di cosa si tratta?

Solo poche settimane fa Vodafone ha annunciato le prime modifiche unilaterali nei confronti dei propri clienti.

I primi a ricevere la comunicazione di modifica unilaterale del contratto sono stati i clienti di rete fissa o mobili con SIM dati, che hanno dovuto subire aumenti fino a 3 euro al mese.

In seguito è toccato ai clienti privati ricaricabili, che hanno subito aumenti fino a 1,49 euro al mese a partire dal 27 Maggio 2018.

Adesso tocca ai clienti privati con offerte mobili in abbonamento.

Per “addolcire” la pillola, Vodafone ha pensato di offrire a questi clienti 10 giga in più al mese per navigare su internet, precisamente partire dal 10 Giugno 2018.

Successivamente, a partire dalla prima fattura emessa dopo il 16 Settembre 2018, il costo delle offerte subirà un aumento di 3 euro ogni mese.

Bella presa in giro, ma ormai siamo abituati a questo comportamento da parte di Vodafone, non ci stupiamo più. 

Perchè questo aumento?

Vodafone giustifica queste nuove modifiche unilaterale così:

“A causa delle mutate condizioni di mercato, a partire dal 10 giugno 2018 alcune offerte in abbonamento avranno 10 Giga in più al mese che si aggiungeranno a quelli già inclusi nell’offerta.

Inoltre, a partire dalla prima fattura emessa dopo il 16 settembre 2018, le stesse offerte insieme ad altre offerte mobile in abbonamento avranno un aumento del canone mensile di 3 euro in modo da consentirci di continuare a garantire la qualità dei servizi legata ai nostri investimenti sulla rete.

Tutti i clienti interessati riceveranno una comunicazione in fattura e potranno recedere dal contratto o passare ad altro operatore senza penali ne’ costi di disattivazione fino al giorno prima della variazione contrattuale, ovvero fino al giorno precedente all’emissione della prossima fattura, specificando come causale del recesso “modifica delle condizioni contrattuali”.

Il diritto di recesso può essere esercitato gratuitamente su variazioni.vodafone.it, inviando una raccomandata A/R a Servizio Clienti Vodafone, casella postale 190 – 10015 Ivrea (TO), scrivendo via PEC all’indirizzo disdette@vodafone.pec.it, chiamando il Servizio Clienti al 190 o compilando l’apposito modulo nei negozi Vodafone, esplicitando la causale sopraindicata.

I clienti che decidono di recedere e hanno un’offerta che include telefono, tablet, Mobile Wi-Fi, Vodafone TV o che prevede un contributo di attivazione a rate continueranno a pagare le eventuali rate residue addebitate con la stessa cadenza e con lo stesso metodo di pagamento che hanno scelto.

In caso di recesso, per non perdere il numero, dovranno anche passare contestualmente ad altro operatore senza penali ne costi di disattivazione. Per avere maggiori informazioni sulle modifiche contrattuale puoi contattare il 42590“.

Solita scusa per obbligare gli utenti a pagare di più!

Che schifo!

Si può sempre recedere o cambiare operatore

Come sempre Vodafone, all’interno del suo sito ufficiale nella sezione “Vodafone Informa“, specifica che i clienti coinvolti potranno recedere dal contratto o passare ad altro operatore senza penali fino al giorno prima della variazione contrattuale, specificando come causale del recesso “Modifica delle condizioni contrattuali“.

Vodafone disdetta: come recedere

Il diritto di recesso può essere esercitato gratuitamente, eventualmente mantenendo attiva un’offerta che include un telefono e continuando a pagare le rate residue con la stessa cadenza e metodo di pagamento su: variazioni.vodafone.it o inviando una raccomandata con ricevuta di ritorno a: Servizio Clienti Vodafone, casella postale 190 – 10.0.15 Ivrea, Torino, o via PEC all’indirizzo vodafoneomnitel@pocert.vodafone.it, chiamando il Servizio Clienti Vodafone al 190 o compilando l’apposito modulo nei negozi Vodafone, esplicitando la causale sopraindicata.

Cosa ne penso?

Cosa posso dire di tutto questo? BELLO SCHIFO.

Ho sempre odiato Vodafone, mi sono fatto fregare in passato, ma ora non ci casco più.

Vodafone avrà anche la rete 4G più veloce d’Italia, ma è anche l’operatore più veloce a fregare i propri clienti, e l’aumento di oggi ne è l’ennesima dimostrazione.

E sono sicuro che i clienti Vodafone non saranno felici di leggere questa notizia.

Anche tu sei cliente Vodafone? Facci sapere la tua opinione a fine articolo!

Per maggiori informazioni si invita a contattare il servizio clienti Vodafone.

Non perdere nessuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here