SEGUI il canale Telegram Offerte di YourLifeUpdated: sconti esclusivi su Amazon e Gearbest ogni giorno selezionati per te! 

Recuperare i file criptati da WannaCry su Windows 7, XP e altri. Ecco il metodo per liberare i PC attaccati da Wannacry senza pagare il riscatto

WannaCry: sblocca i file senza pagare il riscatto

Del pericolosissimo Ransomware Wannacry abbiamo già parlato in un articolo dedicato, che puoi trovare qui:

Brevemente, ti ricordo che si tratta di un pericoloso strumento che ha attaccato decine di migliaia di computer in tutto il mondo, in particolare quelli basati sul sistema operativo Windows, bloccandone tutti i file presenti sul disco fisso e chiedendo un riscatto per renderli nuovamente accessibili ai legittimi proprietari.

In particolare, qualche giorno fa WannaCry ha colpito i sistemi Windows non aggiornati sfruttando un “buco” del sistema operativo di Microsoft e mandando in blocco completo non solo computer privati, ma anche ospedali, treni, banche e aziende automobilistiche, chiedendo un riscatto compreso tra i 300 e i 600 dollari in bitcoin per ogni computer attaccato.

Ad ogni modo, tutti i dettagli sul Ransomware WannaCry sono presenti nell’articolo che ho linkato poco sopra.

Oggi, invece, voglio spiegarti come provare a sbloccare tutti i file bloccati e resi inaccessibili da WannaCry senza che sia necessario pagare il riscatto. Forse non lo sai, ma una vasta gamma di PC infetti da WannaCry possono essere sbloccati anche senza il pagamento del riscatto. Come? Usando due tool completamente gratuiti, che ti presento proprio di seguito.

WannaKey e WannaKiwi sono i due programmi per decriptare i file criptati da WannaCry su i computer Windows 7, XP, Vista, Server 2003/2008/2008 R2. Il risultato non è garantito al 100%, ma tentar non nuoce e potrebbero rappresentare la soluzione migliore per risolvere i problemi causati da WannaCry senza pagare gli hacker per sbloccare i file.

Dunque, se anche tu sei caduto vittima di WannaCrypt, di seguito ti spiego come provare a recuperare i tuoi file gratis.

Come rimuovere WannaCry senza pagare riscatto

Come anticipato, non posso garantire che la guida funzioni, ma si può sempre provare, soprattutto considerando che se tutto funziona nel modo corretto riuscirai a recuperare le chiavi di crittografia utilizzate dal ransomware senza pagare i 300$ di riscatto.

Il programma che useremo per raggiungere il nostro obiettivo si chiama Wannakiwi e funziona con Windows XP/Vista/7/8 e Windows Server 2003/2008/2008 R2. In pratica con tutte le versioni di Windows che potevano essere attaccate da WannaCry.

Se vuoi provare la procedura di decriptazione dei file offerta dal programma, devi sapere che è tutto completamente automatico. In pratica non devi fare nulla se non scaricare l’app e lasciarla lavorare.

Come usare Wannakiwi

Ecco un video che mostra nel dettaglio la procedura:

Una volta avviato, il programma in appena 3 minuti riesce a completare la procedura e a sbloccare tutti i file bloccati e resi inaccessibili da WannaCry.

Non ci credi? Prova tu stesso. Anche l’Europol, l’ufficio di polizia dell’Unione europea, ha convalidato lo strumento, quindi lo possiamo considerare affidabile a tutti gli effetti.

Scarica Wannakiwi dal link che trovi a fine articolo e prova ad usarlo sul tuo PC Windows infetto. Nella maggior parte dei casi il risultato è garantito, ma SOLO SE il computer non è stato riavviato da quando è comparso il messaggio di WannaCry.

NOTA: consiglio di scaricare il tool da un secondo PC e copiarlo su una pen drive USB per evitare di sovrascrivere parte della memoria del computer “infetto” e diminuire di conseguenza le probabilità di riuscita dell’operazione.

Wanakiwi non è ancora stato testato su computer con CPU x64, quindi è possibile che lo strumento non funzioni in modo affidabile su quel tipo di piattaforma.

Se anche tu sei stati colpito da WannaCry, prova a ripulire il tuo computer con Wannakiwi. Puoi scaricare il tool dal seguente link:

Ricordo infine che per non correre nessun rischio di essere colpiti da WannaCry è fortemente consigliata l’installazione della patch MS17-010 rilasciata a marzo da Microsoft che risolve appunto la vulnerabilità nel server SMB sfruttata da questo attacco hacker che ha colpito tutto il mondo.

Per questo articolo su WannaCry è tutto. Per qualsiasi dubbio o domanda, lascia un commento a fine articolo.

Non perdere nessuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here