Home / Guide / Telefono Bloccato dall’operatore con IMEI: ecco come sbloccarlo

Telefono Bloccato dall’operatore con IMEI: ecco come sbloccarlo

Ecco la guida per sbloccare il telefono bloccato dall’operatore tramite codice IMEI

rkv0 Telefono Bloccato dalloperatore con IMEI: ecco come sbloccarlo

Qualche giorno fa mi è successa una cosa molto spiacevole: un amico a cui avevo venduto un Samsung Galaxy S3 usato (acquistato usato anche da me) mi ha chiamato per dirmi che il suo telefono non funzionava più. Inizialmente pensavo che il telefono si fosse rotto, ma poi ho capito cosa era successo: Vodafone aveva bloccato il suo telefono tramite codice IMEI perchè il proprietario originale, che aveva acquistato lo smartphone con abbonamento, non pagava più le rate. 

Mi sono quindi ritrovato a dover risolvere il seguente problema: il telefono era stato bloccato dall’operatore tramite codice IMEI e quindi non funzionavano più le schede SIM. Il telefono funzionava in tutto e per tutto, semplicemente non prendeva più la rete telefonica, che rappresentava un bel problema.

In pratica la situazione era questa: il Galaxy S3 era stato acquistato a rate dal proprietario originale, che poi lo ha venduto a me senza dirmi nulla delle rate. A un certo punto ha smesso di pagarle e Vodafone ha bloccato l’IMEI del telefono (Galaxy S3), che non funzionava più su rete telefonica. Dovevo quindi sbloccare il telefono che l’operatore aveva ingiustamente bloccato tramite IMEI. 

Telefono bloccato tramite IMEI da Vodafone, 3, TIM o Wind: ecco come fare per sbloccarlo

Allora, prima di tutto il mio amico ha chiamato la Vodafone (suo operatore telefonico) chiedendo informazioni. Ovviamente gli operatori non sapevano che fare, visto che a loro la sua scheda SIM sembrava funzionare (ed effettivamente la sua SIM andava su altri telefoni). Si è quindi recato in un centro Vodafone, dove, dopo una verifica tramite codice IMEI del terminale, l’operatore gli ha comunicato che Vodafone aveva bloccato il telefono tramite codice IMEI in quanto il proprietario originale non pagava più le rate. 

Il mio amico si è quindi rivolto a me, ma nemmeno io sapevo cosa fare, visto che:

  • avevo comprato il telefono usato oltre 8 mesi fa
  • non avevo alcun recapito del venditore e nemmeno mi ricordavo il suo nome
  • non avevo nessun documento di vendita, in quanto, con troppa leggerezza, al momento dell’acquisto mi sono accontentato di telefono, scatola e accessori, senza richiedere anche i documenti di vendita. Se li avessi avuti, avrei sicuramente visto che lo smartphone era stato acquistato tramite abbonamento e quindi NON LO AVREI MAI PRESO. Mi raccomando, NON comprate mai smartphone usati acquistati con abbonamento, perchè se il proprietario originale non paga le rate, l’operatore blocca il telefono a voi che lo avete acquistato e se ne frega altamente di tutto il resto!
  • non mi era mai capitata una cosa simile e non avevo mai nemmeno sentito nulla a riguardo.

Fortunatamente, però, appena ho acquistato lo smartphone, lo ho registrato sul sito Samsung Exclusive, dove il dispositivo risultava associato a me a partire da Aprile 2013. Questa era l’unica cosa che certificasse che io ero il proprietario dello smartphone a partire da quel periodo, visto che per registrarsi al sito di Samsung serve l’IMEI del dispositivo e quindi bisogna averlo fisicamente tra le mani.

Così, preso dal panico, ho iniziato a cercare su internet guide su come comportarmi.

Sbloccare telefono bloccato con IMEI da Vodafone: ecco la guida

Ho chiamato il 190 di Vodafone, dove un’operatore ha impiegato qualcosa come 10 minuti per capire cosa fosse il codice IMEI (“Codice email, codice IMAI..”). Alla fine, dopo 10 minuti di chiamata e di spelling, mi ha detto di mandare un fax al numero

  • 800034651

Cosa scrivere nel fax da mandare a Vodafone per sbloccare IMEI telefono? Nel fax dovevo scrivere qualcosa del tipo:

“Spett.le Gestore Vodafone Omnitel N.V.

FAX 800-034651

Sigla Uff. Competente Servizio Clienti

Indirizzo (per eventuale spedizione) Casella Postale 190

CAP 10015

Città Ivrea (TO)

Io sottoscritto XXX nato a XXX, residente a XXX, in via XXX,

DICHIARO

di aver acquistato il telefono XXX con codice IMEI XXX in data XXX dal rivenditore/privato XXX. Ho regolarmente acquistato il telefono XXX come si evince da prova di acquisto allegata e ne sono in regolare possesso da XXX mesi/settimane.

Dopo un perfetto funzionamento di XXX mesi, il telefono ha inspiegabilmente smesso di funzionare. A seguito di un contatto telefonico con il vostro servizio clienti 190, ho scoperto che il telefono in questione è stato ingiustamente bloccato tramite codice IMEI e di conseguenza io, che sono il regolare proprietario, non riesco più a utilizzarlo. La cosa mi sta procurando un evidente danno sia a livello personale che a livello lavorativo.

Chiedo quindi lo sblocco immediato del telefono XXX con codice IMEI e che ne venga ripristinato il regolare funzionamento.

Allego copia del documento di vendita e del mio documento di identità.

Per qualsiasi comunicazione vi prego di contattarmi al seguente numero di telefono: XXX XXXXXX

Cordiali saluti,

XXX”

Ovviamente dovete infarcire un pò meglio il tutto, aggiungendo tutti i dettagli che possono servire per chiarire al meglio la situazione e per spiegare a Vodafone l’accaduto e il problema.

Come detto, nel fax dovevo allegare anche una fotocopia fronte-retro del mio documento di identità e una copia del documento di vendita (scontrino o fattura). Nel mio caso ho mandato uno screenshot del sito Samsung Exclusive, che era appunto l’unico documento che certificasse che ero il possessore del dispositivo.

Ovviamente dovete tenere la conferma dell’invio del fax, non si sa mai, potrebbe sempre servire.

Nel frattempo, però, ho contattato anche il team 190 di Twitter, dove solitamente ci sono operatori più competenti. Questa volta, però, mi sono preso una persona che non sapeva fare il proprio mestiere. Infatti, dopo circa 4 ore dal mio tweet, sono stato richiamato da una ragazza di Vodafone, la quale mi ha detto che il telefono era stato bloccato tramite IMEI perchè risultava rubato. Immaginate il mio sgomento: avevo addirittura paura che i carabinieri arrivassero a casa mia con una denuncia per furto del telefono! La cosa, però, mi sembrava strana: il telefono era mio da 7 mesi, chi avrebbe potuto denunciarne il furto dopo così tanto tempo? E infatti fortunatamente la ragazza era solo incompetente, visto che il telefono era stato bloccato da Vodafone per morosità del proprietario precedente, non per furto. State tranquilli: se il telefono viene bloccato tramite IMEI dall’operatore, non vi vengono a trovare i carabinieri per furto di telefono. E anche se trovate un telefono per strada con IMEI bloccato per furto o smarrimento, tranquilli che i carabinieri non vengono a suonare alla vostra porta per recuperarlo o per denunciarvi per furto.

Mentre aspettavo la chiamata della Vodafone, però, ho fatto qualche ricerca su internet. Ho letto che:

  • Vodafone blocca sempre i telefoni tramite IMEI quando il sottoscrittore dell’abbonamento non paga
  • gli altri operatori non lo fanno quasi mai
  • difficilmente Vodafone sblocca il telefono bloccato tramite IMEI
  • cambiare IMEI a un telefono bloccato è illegale
  • in alcune città ci sono negozi di cinesi che cambiano IMEI al telefono in modo illegale
  • sugli smartphone più vecchi (Galaxy S2 e simili) si può cambiare IMEI manualmente con il ROOT e qualche altro passaggio, ci sono tante guide in rete dedicate
  • su Galaxy S3 e simili non si può cambiare IMEI, se non con un apposito strumento hardware (Octopus Box), che però costa caro e bisogna essere in grado di usarlo. Insomma, non è una cosa alla portata di tutti
  • ci sono siti americani e inglesi che sbloccano i telefoni bloccati tramite IMEI, ma la cosa NON funziona se i telefoni sono bloccati per furto o smarrimento (o, come in questo caso, perchè il proprietario non paga l’abbonamento). Questi siti sbloccano soltanto i telefoni bloccati dall’operatore (cioè quelli che funzionano solo con le SIM di un determinato operatore). Nessuno di questi siti riesce a sbloccare un telefono con IMEI bloccato per furto o smarrimento
  • inizialmente il blocco IMEI funziona solo con l’operatore che lo ha richiesto (nel mio caso Vodafone) e per qualche giorno lo smartphone continuerà a funzionare ad esempio con SIM di altri operatori (il mio Galaxy S3 andava con scheda 3 Italia ad esempio), ma poi il blocco si estende anche agli altri operatori, visto che l’IMEI del vostro smartphone viene inserito in una blacklist condivisa dagli operatori a livello nazionale
  • il blocco IMEI vale solo a livello nazionale, quindi all’estero il telefono funzionerà senza problemi
  • ci sono siti che permettono di controllare se l’IMEI del telefono è stato bloccato , ma NON funzionano. Ad esempio io ho provato questo sito: http://www.numberingplans.com/?page=analysis&sub=imeinr, secondo il quale però il telefono funzionava correttamente
  • l’unico sito al mondo che permette di controllare se un telefono è rubato o bloccato tramite IMEI (e che funziona veramente) è questo: http://www.checkmend.com/uk/. Purtroppo è a pagamento, ma è l’unico super aggiornato che vi dice realmente se un telefono è stato bloccato o meno tramite IMEI. Nel mio caso, infatti, il report ha detto che il telefono era stato bloccato tramite IMEI da almeno un operatore telefonico (non diceva quale), ma almeno ha confermato che non c’era alcuna denuncia di furto o smarrimento sul telefono, cosa che mi ha sicuramente tranquillizzato dopo il panico diffuso dall’operatrice Vodafone del 190 di Twitter.

Insomma, mi sono letto parecchie cose su internet e ho visto che situazioni come la mia capitano spesso a utenti Vodafone che hanno acquistato un telefono usato. In pratica Vodafone si riserva il diritto di bloccare tramite IMEI un telefono nel caso in cui chi sottoscrive l’abbonamento smetta di pagare. A Vodafone non interessa chi sia l’utilizzatore reale del telefono, loro lo bloccano tramite IMEI in via preventiva. Spetterà poi all’utilizzatore reale, magari fregato nella compravendita dell’usato, dimostrare che il telefono è di sua proprietà. Il problema è che nel 90% dei casi Vodafone non sblocca comunque l’IMEI del telefono!

Ad ogni modo, vediamo come ho fatto io per sbloccare il mio Galaxy S3 Vodafone tramite IMEI. 

Dopo aver inviato il fax il mercoledì mattina, ho aspettato almeno una conferma di ricezione, ma non mi è mai arrivato nulla. Avevo quasi perso le speranze, ma il sabato mattina mi è arrivato un messaggio da Vodafone, che diceva:

“Il telefono da lei richiesto è stato sbloccato”

A quel punto, tutto contento, chiamo il mio amico e gli dico di provare a usare il Galaxy S3, che però continuava a non funzionare. Solo dopo ho scoperto che da quando Vodafone toglie il blocco, servono almeno 3 giorni prima che lo smartphone torni a funzionare e a ricevere la rete telefonica. Il suo Galaxy S3 ha ricominciato a funzionare il martedì mattina. Vodafone aveva tolto il blocco IMEI e il telefono era tornato a funzionare.

Nel giro di una settimana, dunque, tutto si era risolto. Vodafone aveva sbloccato l’IMEI del telefono e finalmente la rete telefonica era tornata.

Dunque, se anche voi siete capitati in questa spiacevole situazione, potete seguire la mia guida per risolvere il problema. Non è detto che funzioni, ma nel mio caso tutto ha funzionato per il meglio e Vodafone ha sbloccato l’IMEI del Galaxy S3, che è tornato regolarmente a funzionare. Se Vodafone non volesse sbloccare il vostro IMEI, comunque, potete sempre rivolgervi a un’associazione di consumatori o a un avvocato. Con l’avvocato, poi, potete chiedere anche i danni procurati da Vodafone: non tutti, infatti, hanno altri telefoni a disposizione da usare in un caso come questo e la cosa potrebbe comportare un danno importante, soprattutto in ambito lavorativo. Vodafone blocca i telefoni tramite IMEI, ma NON può farlo. Quindi fate valere i vostri diritti legalmente, rivolgendovi, se necessario, anche a un avvocato. 

Nel mio caso non è stato necessario per fortuna e tutto si è risolto per il meglio nel giro di una settimana.

Fatemi sapere se anche voi avete problemi di questo tipo, vi aiuterò volentieri.

Per restare sempre aggiornato sul tema di questo articolo, puoi seguirci su Twitter, aggiungerci su Facebook o Google+ e leggere i nostri articoli via RSS.

About Riccardo Conti

25 anni, residente a Parma. Da sempre appassionato di tecnologia e telefonia, ho creato YourLifeUpdated per condividere con voi le mie passioni e le mie conoscenze.
  • fla via

    Ciao, io due giorni fa ho fatto bloccare il mio telefono iphone, con gestore vodafone, tramite imei. Quando Specifichi ” Vodafone blocca i telefoni tramite IMEI, ma NON può farlo” sappi che questa cosa non è puramente reale. Il mio Telefono a sopra una denuncia di furto, ed essendo io la proprietaria legittima ho richiesto di bloccarlo, non vedo giusto l’utilizzo da parte di malfattori. Nel caso la vodafone dovesse, sbloccare il mio telefono con le tue indicazioni, a questo punto sarei io ad avvalermi di avvocati sia contro vodafone che verso la persona che ha richiesto lo sblocco senza nessun pezzo di carta che dimostrasse la reale vendita. il nuovo proprietario che lo ha acquistato è un ladro quanto chi lo ha rubato.

    • Elia

      qui stiamo parlando che vodafone blocca imei per mancati pagamenti, per quanto riguarda furti/smarrimenti hai completamente ragione, e solo il proprietario di fattura/scatola può sbloccare il telefono!

      • fla via

        si lo so che parliamo di un blocco per quanto riguarda bollette insolute, ma io mi domando: cosa succede se un Eventuale “terzo” proprietario dimostra di aver acquistato tramite bonifico bancario il telefono in oggetto, già da un secondo proprietario, ed è privo della scatola? In questo caso il gestore sblocca l’IMEI, apparte che io non lo saprò mai,e poi può farlo?..

        • Elia

          Ma scusa stiamo andando un po’ sul surreale qui!
          cioè, tu dici che denunci il furto/smarrimento di un telefono e quindi blocchi l’imei, e nel frattempo una terza persona dimostra di avertelo regolarmente acquistato?
          i casi sono 2:
          -tu vieni denunciato per falsa testimonianza nel caso il telefono sia stato effettivamente acquistato e non rubato
          -nel caso il telefono sia stato rubato, sai che lo ha lui e te lo fai ridare, dato che essendo rubato non può dimostrare di averlo acquistato.

  • Kiss

    Ciao a tutti! Scusatemi, ho un problemone… Mi hanno spedito un Iphone 4S dal Inghilterra.. con una sim INGLESE VODAFON UK, io ho messo la mia sim WIND, che non ha funzionato… però non ho provato nessuna Sim vodafone italia.. ci sono possibilità che se ne metto una, possa funzionare? sperando il migliore dei casi… poi si, ho paura che sia bloccato da Vodafon UK tramite IMEI, ho provato a scoprire se lo è attraverso un sitino poco affidabile, e po ho usato CheckMend… ho pagato e tutto, e poi mi sono arrivati i “risultati” e hanno tutti il ” pallino verde”… significa che quindi non è bloccato con IMEI…??
    Aiutatemi, per favore :(