Spotiamp: Spotify si veste da Winamp

Nel giorno in cui Winamp vede scorrere i titoli di coda, Spotify va ad omaggiarne il glorioso passato con una release a metà tra il celebrativo ed il sarcastico. Il gruppo ha annunciato infatti Spotiamp, un music player a disposizione dei propri utenti e tracciato sulla falsa riga del player che diventa storia.

La storia di Winamp è nota e la sua chiusura ha destato non poca nostalgia in chi lo ha utilizzato a suo tempo compiendo i primi passi nel mondo MP3. Tuttavia era un destino segnato: il software ha poco alla volta lasciato spazio al modello iTunes prima ed ai nuovi servizi streaming ora, evolvendo in modo molto rapido un sistema che attorno a Winamp aveva costruito le basi della rivoluzione musicale in digitale. La cessione da parte di AOL a Microsoft o altri potenziali acquirenti sembra ormai sfumata definitivamente, il che chiude le porte a possibili colpi di coda per il rilancio, quanto meno, del brand e del fascino che ancora nutre in un certo target.

Spotiamp altro non è se non la riproduzione di quel che Winamp sapeva fare, basato però non su una collezione proprietaria di file, ma bensì su playlist fornite da Spotify. L’accesso a Spotiamp è riservato agli abbonati Spotify Premium.