6 Criptovalute Su Cui Investire Nel 2018

0

Ti propongo sei criptovalute da tenere d’occhio nel 2018. Ecco le monete elettroniche più promettenti del 2018 su cui investire qualcosa per provare a guadagnare

Quali criptovalute comprare nel 2018?

Come probabilmente hai notato, su YLU ci stiamo attrezzando alla velocità della luce per offrirti tante informazioni e guide sulle criptomonete e criptovalute, un fenomeno che sta attirando le attenzioni di tantissimi utenti in tutto il mondo, Italia compresa.

Visto che la materia era sconosciuta anche per noi fino a qualche tempo fa, ci siamo messi a studiare e analizzare la situazione (imparando dai migliori siti americani) per cercare di comprendere tutti gli aspetti e le sfaccettature di questo fenomeno che alla velocità della luce sta crescendo, coinvolgendo sempre più utenti ma soprattutto sta facendo girare un sacco di soldi in tutto il mondo!

Su YLU puoi già leggere tantissime news e guide relativamente a Bitcoin, Ethereum e altre criptomonete e criptovalute (le trovi tutte QUI), ma nella guida di oggi andremo più nello specifico e vedremo le criptovalute più interessanti del 2018, quelle su cui potrebbe valere la pena di investire qualche soldo per provare a guadagnare.

Come ben sai, io ho preferito gettarmi nel campo del mining ed ho comprato un computer per generare Ethereum, ma ovviamente c’è chi preferisce sfruttare le criptovalute per fare investimenti, esattamente come avviene in borsa: si compra oggi ad un certo valore, si spera di rivendere domani ad un valore superiore.

Se anche tu preferisci acquistare direttamente criptovalute anziché provare a generarle, ecco di seguito quelle che nel 2018 potrebbero regalare le soddisfazioni (e i guadagni) più grandi.

Prima, però, una piccola premessa sullo stato attuale delle criptovalute.

Il crollo delle criptovalute ad inizio 2018

Come avrai sicuramente notato, il 2018 delle criptovalute non è iniziato sotto i migliori auspici, soprattutto a causa delle continue pressioni che arrivano dalla Cina.

Stando a quanto riportato dalla Reuters, il vicegovernatore della Banca Popolare Cinese avrebbe proposto di vietare l’accesso a tutte le piattaforme di exchange (sulle quali si possono acquistare le monete virtuali), così come le applicazioni mobili dedicate alla compravendita, i wallet (i siti che consentono di mettere al sicuro le criptovalute) e i servizi che aiutano gli utenti ad aggirare le limitazioni già in atto.

La proposta fa seguito alle drastiche misure prese negli ultimi mesi del 2017, quando Pechino aveva chiuso alcune importanti piattaforme di trading, costringendo altre a trasferirsi a Hong Kong, e vietato gli ICO (l’equivalente delle quotazioni in borsa nel mondo della blockchain).

Il risultato della stretta cinese è che la capitalizzazione complessiva di questo mercato è calata dagli 830 miliardi di dollari della prima settimana di gennaio agli attuali 450.

Chiaramente si è trattato di un brusco risveglio, soprattutto dopo le impennate improvvise che hanno caratterizzato il periodo delle feste. Dopo i record messi a segno nei mesi trascorsi, le monete virtuali sono infatti crollate di parecchio, anche se in questi giorni i valori sembrano essersi assestati.

Proprio a fronte di questo crollo improvviso e repentino del valore di tutte le principali criptovalute, questo potrebbe essere il momento migliore per comprarle e provare a guadagnare.

Ma su quali esattamente conviene investire? Quali sono le criptovalute più promettenti? Vediamole di seguito!

Su quali criptovalute investire nel 2018

Premessa: di seguito non parleremo del Bitcoin, che ormai è diventato troppo costoso per generare profitti. Solo chi lo ha comprato anni fa è riuscito a guadagnare qualcosa, mentre oggi risulta impossibile acquistare questa moneta con lo scopo di guadagnare. Fortunatamente ci sono tante altre criptovalute su cui investire che hanno prezzi decisamente più abbordabili. 

Vediamo quali sono!

1. Ethereum

Questa moneta è ormai famosa quasi come i Bitcoin, ma è ancora possibile acquistarla per provare a guadagnare.

Io, come anticipato, ho preferito provare a minare Ethereum con un computer dedicato, ma se preferisci acquistarla non ci sono problemi. Diciamo che siamo al limite del tempo per comprare Ethereum: presto, come i Bitcoin, questa moneta potrebbe diventare troppo cara e difficile da gestire per “piccoli investitori”. 

Senza entrare troppo nel dettaglio, Ethereum si basa su una tecnologia simile a quella del Bitcoin, ma più avanzata e con più possibili applicazioni nella vita reale, ad esempio per contratti, investimenti, debiti ed altro ancora. Soprattutto per gli investimenti è molto utile questa moneta, perché avvicina il finanziatore con il finanziato, eliminando tutti i soggetti che stanno solitamente in mezzo (banche, avvocati, altre società di controllo crediti e bilanci…), velocizza il trasferimento dei fondi e alla fine riduce i costi. Più che una criptovaluta, dunque, Ethereum può essere visto come una piattaforma di business. 

E proprio per questo motivo sta diventando così popolare. 

Diciamo che per il 2018 questa è la moneta più sicura su cui investire, quella che forse non darà guadagni esagerati, ma che comunque resterà affidabile e non farà perdere soldi.

2. Ripple

Tornando a parlare di criptovalute vere e proprie, Ripple è attualmente quella più “calda” e interessante. Solo pochi giorni fa è diventata la seconda criptovaluta più diffusa dopo Ethereum, segno che sta crescendo e si sta diffondendo molto.

A livello di sicurezza e stabilità dell’investimento, Ripple è molto simile a Ethereum: ha alle spalle una struttura solida, che cresce bene e può crescere ancora tanto.

Al contrario del circuito Bitcoin, che vuole eliminare completamente le banche, Ripple vuole invece lavorare con le banche e le altre agenzie, permettendo loro di effettuare trasferimenti internazionali di denaro in modo velocissimo e riducendo i costi al minimo.

Insomma, Ripple ha ancora un grosso potenziale di crescita, è un investimento molto interessante per il 2018 e abbastanza sicuro.

3. Stellar

Come Ripple, anche Stellar vuole diventare una piattaforma per i trasferimenti transnazionali di valute tradizionali rendendoli più rapidi, economici ed efficienti.

A differenza della più nota controparte, che punta a lavorare con i colossi bancari, Stellar potrebbe diventare il sistema utilizzato dalle persone comuni per inviare denaro oltreconfine. La recente partnership con IBM ha sicuramente conferito a Stellar una patente di legittimità.

4. IOTA

È una moneta pensata per la internet of things, che dovrebbe consentire a tutti gli oggetti connessi alla rete di eseguire transazioni economiche tra di loro, in maniera automatica ed estremamente rapida. Considerando che nei prossimi anni saremo circondati da decine di miliardi di smart-oggetti, le potenzialità di IOTA sul lungo termine sono estremamente interessanti (ma tutte ancora da dimostrare).

5. Litecoin

E’ una moneta creata da un ingegnere di Google, Charles Lee, nel 2011, e rappresenta un’alternativa ai Bitcoin, rispetto al quale risolve 3 grossi problemi. Litecoin, infatti, si distingue per:

  • permettere di effettuare pagamenti non solo peer-to-peer, ma anche di altro tipo
  • ridurre i costi delle risorse necessarie per generare moneta
  • velocizzare i tempi di trasferimento

E’ una moneta molto semplice, che segue i principi del Bitcoin relativamente ad un’economia decentralizzata in cui persone e moneta possono “funzionare” indipendentemente dalle banche e altre agenzie. Però, rispetto al Bitcoin, risolve i problemi di cui abbiamo parlato qualche riga sopra e quindi risulta più interessante, oltre ad essere decisamente meno costosa e quindi più facilmente acquistabile anche dai “piccoli investitori”.

Diciamo dunque che anche questo è un investimento piuttosto sicuro per il 2018. 

6. Neo

Nota come la “Ethereum cinese”, NEO è una piattaforma con base a Shanghai che si occupa di smart contract: contratti intelligenti che si eseguono automaticamente quando le condizioni vengono soddisfatte.

Secondo molti esperti , NEO è una delle criptomonete più promettenti sul mercato, perché si rivolge all’immenso mercato cinese e perché la sua tecnologia è in grado di gestire oltre mille transazioni al secondo (contro le 15 di Ethereum).

Si tratta comunque di una realtà molto giovane e che deve ancora mantenere le promesse. Il rischio in questo caso è più elevato, ma le potenzialità molto elevate!

Conclusioni

Ok, abbiamo terminato con questa nuova guida.

Come avrai notato, è ancora possibile investire in criptovalute e provare a guadagnare qualcosa, anche nel 2018. E’ chiaro che bisogna allontanarsi dal Bitcoin, ma ci sono tante altre alternative da comprare.

Tu hai deciso di investire nelle criptovalute nel 2018? Su quali in particolare? Faccelo sapere nei commenti a fine articolo!

Per qualsiasi dubbio o domanda, lascia un commento a fine articolo e ti aiuterò per quanto possibile.

Happy mining!

Continua a seguirci, arriveranno tante altre guide sul mining!

Non perdere nessuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here