Dall’1 gennaio del 2022 la quarantena Covid non viene più equiparata alla malattia: i lavoratori costretti a casa non hanno più la copertura pagata dall’Inps

La quarantena Covid NON è malattia

Altre pessime notizie arrivano per gli italiani da parte del “Governo dei migliori”, sempre pronto a tutelare e proteggere i propri cittadini.

Di cosa stiamo parlando?

Come avrai facilmente intuito, dal 2022 la quarantena Covid non è più equiparata alla malattia.

Quindi cosa cambia?

Semplice: TUTTO.

In questo modo, chi è in quarantena obbligatoria dopo un contatto con positivo al Covid-19 (e quindi impossibilitato ad andare al lavoro) o in isolamento fiduciario a casa anche per gli obblighi relativi al rientro dall’estero non avrà più la copertura pagata dall’Inps per l’eventuale assenza.

Concretamente, dunque, se sei in quarantena Covid resti senza stipendio e senza malattia. Anche se stai bene, anche se sei vaccinato, anche se sei negativo, anche se hai giurato fedeltà al Governo Draghi.

Come si intuisce facilmente, il problema riguarda soprattutto chi non può ricorrere allo smart working, come avviene per tanti lavori che devono svolgersi necessariamente in presenza. In quel caso l’unica speranza – dall’1 gennaio 2022 – è che il datore di lavoro si faccia carico del pagamento dei giorni d’assenza.

Perché la quarantena non è più malattia?

Semplicissimo: Il periodo di malattia in caso di quarantena, finora coperto dall’Inps, non è stato rifinanziato dal governo oltre il 31 dicembre 2021.

In questo modo vengono quindi modificate le tutele previste durante l’emergenza Covid per i lavoratori in quarantena e per i fragili.

Difatti anche i fragili potevano essere esentati dal lavoro equiparando la loro assenza alla quarantena, ma ora non più.

In breve, dunque, se non verranno stanziate nuove risorse la tutela per i lavoratori in quarantena non sarà più attiva nel 2022, nonostante lo stato d’emergenza per coronavirus sia stato prorogato fino al 31 marzo del 2022.

E per ora non sembra sia previsto un ulteriore finanziamento della misura.

Le nuove regole della quarantena Covid nel 2022

Prima di concludere l’articolo, va ricordato che le regole sulla quarantena sono cambiate di recente, con restrizioni minori per i vaccinati e i guariti.

Chi ha la terza dose non deve necessariamente sottoporsi alla quarantena in caso di contatto con un positivo.

In particolare nessun obbligo di quarantena è previsto per chi ha completato il ciclo primario da 120 giorni o chi ha ricevuto la dose booster o, ancora, sia guarito dal Covid da meno di 120 giorni. Per queste persone varrà solo l’obbligo di indossare le mascherine FFP2 e sottoporsi a tampone nel caso in cui siano sintomatiche.

Sono cambiate le quarantene anche per i vaccinati da più di 4 mesi con ciclo primario (quindi prima e seconda dose): in questo caso la quarantena è scesa da 7 a 5 giorni.

Infine per i non vaccinati non è cambiato nulla: la quarantena resta di dieci giorni.

Tutto chiaro?

Fonte

UNISCITI AL NOSTRO GRUPPO TELEGRAM. OGNI LUNEDI' REGALIAMO BUONI AMAZON. E OGNI GIORNO TROVI OFFERTE SUPER, SELEZIONATE UNA AD UNA

🔔Hai bisogno di aiuto o assistenza? Scrivici sul nostro canale Telegram >>> QUI!

📱Cerchi smartphone scontati? Comprali al miglior prezzo su >>> Amazon!

🎯Risparmia con OfferTech su Telegram: trova le migliori offerte tecnologiche!

🌟Se hai fame di notizie, segui YourLifeUpdated su Google Newsclicca sulla stellina per inserirci nei preferiti!

VUOI AMAZON MUSIC UNLIMITED GRATIS? SCOPRI COME!

Vuoi ricevere ogni giorno i nostri articoli via email GRATIS? Scrivi la tua email qua sotto

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here