UNISCITI AL NOSTRO GRUPPO TELEGRAM. OGNI LUNEDI' REGALIAMO BUONI AMAZON. E OGNI GIORNO TROVI OFFERTE SUPER, SELEZIONATE UNA AD UNA

Android 11 è stato rilasciato ufficialmente: ecco tutte le novità introdotte. Cosa cambia con Android 11? Elenco completo novità. Quando esce Android 11? 

Android 11 novità

Android 11 novità

AGGIORNAMENTO 10 GIUGNO  2020 – DISPONIBILE LA PRIMA BETA PUBBLICA

Il nuovo sistema operativo Android 11 è stato rilasciato in anteprima per i possessori di smartphone Pixel di Google

Certo, si tratta di una versione di anteprima, dedicata principalmente agli sviluppatori, con parecchi bug e molte funzionalità ancora da implementare, ma comunque funziona e permette di avere un primo assaggio delle novità che Google ha in serbo per noi.

Se hai un Pixel (2, 3 e 4), puoi correre a scaricare subito la prima versione di Android 11 (vedi a fine articolo come fare).

UNISCITI AL NOSTRO GRUPPO TELEGRAM. OGNI LUNEDI' REGALIAMO BUONI AMAZON. E OGNI GIORNO TROVI OFFERTE SUPER, SELEZIONATE UNA AD UNA

Se invece il tuo smartphone non è ancora supportato, in questo articolo andremo ad analizzare insieme le novità di questo importante aggiornamento del sistema operativo di Google. 

Senza perdere inutilmente tempo, dunque, direi di andare dritti al punto e di vedere tutte le novità introdotte da Big G con questo aggiornamento software.

Cosa cambia con Android 11?

Le novità introdotte da questo aggiornamento sono tante e al momento sono solo parziali. Cerchiamo comunque di analizzarle con ordine anche se, come potrai notare, per ora molte novità e miglioramenti sono “sotto al cofano” e non immediatamente visibili per gli utenti finali.

Esperienza 5G

Arrivano due nuove API, Dynamic Meteredness e Bandwidth Estimator. La prima verifica se la connessione utilizzata è a consumo o meno e permette di regolare automaticamente la qualità delle immagini e dei video a discapito del consumo di banda, incluse le connessioni 5G. La seconda, invece, è una versione aggiornata della precedente e consente di verificare rapidamente l’ampiezza di banda sia in upload che in download, sfruttando le informazioni fornite direttamente dal modem 5G.

Nuovi schermi

Arriva un aggiornamento dell’API che gestisce i notch, che ora consente di controllare i display con foro e quelli di tipo waterfall. Per questi ultimi è disponibile una nuova API che consente una gestione precisa anche dei lati dello schermo.

Contatti e comunicazioni

Nella tendina delle notifiche sarà possibile seguire le conversazioni con i propri contatti, tramite diverse applicazioni, inserite nella sezione dedicata chiamata Conversazioni. I fumetti, utilizzati per le chiamate, possono ora essere utilizzate anche nelle chat e nelle app di messaggistica grazie all’API Bubbles. Per trasformare in fumetti le notifiche basta tenere premuta la notifica e selezionare la voce “Mostra sotto forma di fumetto”.

È possibile inserire allegati direttamente nelle risposte dalle notifiche, a patto che l’applicazione supporti l’utilizzo di allegati, come documenti, immagini e video.

E’ anche possibile copiare immagini da Chrome e incollarle nelle risposte tramite Gboard.

Reti Neurali

Arrivano le API Neural Networks, che saranno affiancate da nuove API per la gestione ed esecuzione dei modelli e la riduzione delle copie dalla memoria. Nelle prossime Developer Preview saranno aggiunte ulteriori ottimizzazioni per i framework di machine learning più popolari.

Privacy e Sicurezza

Ora è possibile concedere un determinato permesso per una sola esecuzione o solo quando l’applicazione è in uso. Nel primo caso il permesso verrà richiesto anche uscendo e rientrando dall’applicazione.

Arrivano nuove API per proteggere lo smartphone, sia per quanto riguarda i controlli biometrici sia per quanto riguarda l’aumento delle misure di sicurezza.

Diventa più semplice integrare l’autenticazione biometrica (impronta digitale, iride, volto), mentre agli sviluppatori vengono forniti nuovi strumenti per rendere più sicura la gestione dei componenti critici di sistema.

Grazie a Blobstore Manager diventa più sicuro condividere temporaneamente i dati e vengono aggiunti nuovi componenti per l’archiviazione sicura di documenti digitali, come la patente di guida.

Con Scoped Storage non serve concedere l’accesso in scrittura sulla memoria esterna, visto che ogni app potrà avere un’area dedicata e isolata, con la possibilità di accedere a poche cartelle mirate. Applicazioni come i file manager a le app di backup potranno richiedere i permessi di accesso completo alla memoria esterna.

Aggiornamenti di sistema e compatibilità

Sarà possibile intervenire in maniera più rapida per correggere errori o apportare miglioramenti senza che sia necessario il rilascio di un nuovo firmware.

Android 11 introduce un nuovo concetto che sarà ben accolto dagli sviluppatori: ora è possibile minimizzare gli effetti degli aggiornamenti attivando o disattivando determinati controlli con degli switch, dando quindi il tempo agli sviluppatori di aggiornare le proprie creazioni adattandole velocemente. Gli sviluppatori potranno disabilitare le opzioni che Google ritiene più a rischio, sia tramite le opzioni sviluppatori sia tramite adb.

È stata aggiunta una libreria per il caricamento dinamico di risorse al momento dell’esecuzione ed è stato definito un periodo entro il quale la piattaforma potrà essere considerata stabile. Google si aspetta che le API e il SDK siano stabili entro i primi giorni di giugno, inclusi tutti gli aspetti che potrebbero andare a incidere sul funzionamento delle app.

Miglioramenti

Migliorano il controllo delle chiamate, la gestione delle connessioni WiFi, i formati di immagini supportate, grazie anche a una nuova API per la codifica e decodifica delle immagini e molto altro.

Arrivano nuove API per la riduzione della latenza nei flussi video, con la possibilità di intervenire in modo preciso su codec specifici e la possibilità di gestire la latenza anche nella trasmissione su monitor esterni e TV.

Telefoni aziendali

Gli utenti che fanno un uso privato degli smartphone concessi loro dall’azienda, potranno contare su un miglioramento dei profili. Gli amministratori di sistema potranno stabilire quello che gli utenti possono fare in privato, senza poter vedere quale uso viene fatto dagli utenti, nel pieno rispetto della privacy.

Altre novità di Android 11

  • È finalmente possibile pianificare l’attivazione della modalità scura in un intervallo dedicato o seguendo il ciclo tramonto-alba
  • Durante la registrazione di un video l’app fotocamera silenzia le notifiche per evitare interferenze o suoni
  • Gli sviluppatori hanno tempo fino alla fine del 2021 per rendere compatibili le proprie app con Android 11
  • Con Android 11 le applicazioni che richiedono l’accesso alla posizione in background dovranno essere approvate da Google, con il termine ultimo fissato al 2 novembre
  • Nelle Opzioni sviluppatore è possibile attivare la visualizzazione della frequenza di refresh
  • Arrivano gli screenshot a scorrimento, che permettono di catturare schermate che superano la singola schermata
  • L’attivazione degli Overlay diventa più macchinosa, richiedendo il passaggio per la schermata generale delle app per poi concedere il singolo permesso a quella desiderata
  • È nuovamente possibile fissare in alto le applicazioni (o le funzioni preferite) nel menu di condivisione di Android
  • L’attivazione della modalità aereo non disattiva il Bluetooth se risulta connesso un dispositivo audio
  • Compare il toggle per la registrazione dello schermo nei Quick Settings
  • Nuova modalità Niente Distrazioni di Benessere Digitale che mette in pausa le app che generano troppe notifiche, con la possibilità di impostare una programmazione e un toggle per l’attivazione
  • Toogle per incrementare la sensibilità del touch (solo su Pixel)
  • Il permesso Archiviazione cambia il nome in “File e contenuti multimediali”
  • Numerose novità nel menu accessibilità
  • Nuove gesture per Pixel 4
  • Nuova pagina del log delle notifiche, semplificata rispetto alla versione precedente
  • Nuova gestione delle gesture, in particolare per quanto riguarda il tasto Indietro, con la possibilità di regolare la sensibilità per continuare a utilizzare i menu hamburger delle app
  • È più semplice conoscere quali sono i code supportati dalle proprie cuffie Bluetooth tramite le Opzioni Sviluppatore
  • Riorganizzato il menu Non Disturbare, con la possibilità di controllare in maniera più precisa le chiamate, i messaggi e le notifiche da altre app
  • Con Android 11 arriva un nuovo stack Bluetooth, chiamato Gabeldorsche, che sostituisce quello precedente
  • Se sono presenti troppe notifiche, il player musicale viene spostato nel pannello dei Quick Settings, rendendolo più comodo da raggiungere
  • Android 11 permette di accedere alla tendina delle notifiche o al pannello dei Quick Settings a seconda del lato da cui viene eseguito lo swipe verso il basso, riprendendo una funzione vista in passato su molte custom ROM
  • È presente una modalità chiamata Condivisione batteria, che fa pensare al possibile arrivo della ricarica wireless inversa sui prossimi Pixel
  • Torna la funzione di accesso rapido alle carte collegate a Google Pay, una funzione che potrà essere implementata nelle app dagli sviluppatori con un nuovo permesso

Per il momento queste sono le novità di Android 11. Ovviamente ne arriveranno altre con i prossimi aggiornamenti, motivo per cui terremo questo articolo sempre aggiornato mese dopo mese.

Android 11 uscita

Android 11 uscitaEcco una scaletta con i possibili tempi di rilascio di Android 11. 

Ci saranno 6 aggiornamenti grossi prima del rilascio finale, che arriverà nel Q3 2020.

Il primo aggiornamento per sviluppatori è arrivato a Febbraio 2020. Ne arriverà uno a Marzo e uno in Aprile.

Da Maggio ad Agosto ci saranno 3 beta disponibili per tutti.

Tra Settembre e Ottobre 2020 Android 11 sarà rilasciato per tutti.

Android 11 smartphone compatibili

Puoi installare Android 11 sul tuo smartphone? Il tuo smartphone è compatibile con Android 11?

Al momento la prima Developer Preview è installabile unicamente tramite flash manuale.

Gli smartphone supportati sono Pixel 2, Pixel 2 XL, Pixel 3, Pixel 3 XL, Pixel 3a, Pixel 3a XL, Pixel 4 e Pixel 4 XL. 

Disponibile la prima Beta Pubblica di Android 11

Ecco le principali novità presenti nella prima Beta Pubblica di Android 11.

Notifiche e comunicazione

  • Google ora ha deciso di raggruppare tutte le notifiche relative alle app di messaggistica nella parte alta della tendina delle notifiche
  • E’ possibile impostare una conversazione come “prioritaria” in modo tale che appaia sempre in testa a questo gruppo
  • Le chat prioritarie spunteranno anche nell’Always on Display e possono “bucare” le impostazioni di Non Disturbare
  • Tornano le Bubbles, ovvero quella funzione che permette di creare un elemento flottante dal quale richiamare direttamente la conversazione. Un po’ come le chat heads di Facebook Messenger, insomma.
  • Per chi controlla lo smartphone prettamente con la propria voce, Voice Access ora include elementi visuali che fungono da “punti di accesso” per comandi di accessibilità
  • Arrivano i suggerimenti automatici di emoji e testo pertinenti durante la digitazione utilizzando la Gboard, il tutto chiaramente in modo dinamico e intelligente grazie all’uso dell’intelligenza artificiale.
  • Arriva Google Meet che è ora disponibile per tutti supportando più utenti mentre debutta la “modalità famiglia” per Google Duo che permette di aggiungere effetti visivi di vario genere per rendere più divertenti le conversazioni (in maniera simile a quanto fa già Facebook Messenger).

Nuovi controlli domotici e multimediali

  • Android 11 Beta supporterà al meglio le smarthome e le periferiche e i dispositivi connessi. Sarà più semplice gestire la domotica della nostra casa: premendo a lungo il tasto di accensione si accede ad un menu dedicato nel quale è possibile attivare le luci, cambiare la temperatura del termostato, aprire le porte e tanto altro.
  • Google vuole trasformare lo smartphone in una tasca digitale: nello stesso posto troveremo anche carte d’imbarco per voli e anche le informazioni sui metodi di pagamento attivi.
  • Passare da un dispositivo audio o video all’altro sarà più facile con Android 11: toccando nella notifica il nome di un dispositivo, sarà possibile passare ad un altro semplicemente con un tocco. Nella stessa schermata si potranno anche modificare rapidamente i volumi.

Privacy

  • Sono migliorate le modalità con le quali vengono concesse le autorizzazioni che possono essere anche “una tantum” così da poter accedere al microfono, fotocamera o posizione una volta ma non “per sempre”. Una possibilità in più contro app e servizi fraudolenti.
  • Se poi non si utilizza un’applicazione per tanto tempo, le autorizzazioni saranno ripristinate per evitare che applicazioni possano cambiare utilizzo e diventare un pericolo per i propri dati. Ovviamente l’utente potrà riconcedere le autorizzazioni, con più consapevolezza.
  • Attraverso i Google Play System Updates (lanciati nel 2019) gli aggiornamenti alle parti principali del sistema operativo saranno più facilmente aggiornabili. Con questa nuova versione sono raddoppiati i moduli aggiornabili migliorando privacy, la sicurezza aiutando sia sviluppatori che utenti.

Nuovi stili

  • Arrivano anche dei nuovi stili per le icone delle applicazioni e impostazioni e dei quick toggle, chiamati Vessel, Pebble e TaperedRect, e una nuova funzione per il Google Pixel Launcher capace di suggerire le applicazioni più usate nella dock della homescreen.

Ci sono, infine, varie novità per gli sviluppatori, che però non tratteremo in questo articolo.

Come provare SUBITO la Beta di Android 11?

Per ora è possibile accedere alla Beta di Android 11 andando a questa pagina.

Google segnala che è disponibile al momento a partire da Pixel 2 (e successivi), e che nelle prossime settimane potrebbe arrivare anche su altri smartphone.

Chi aveva già installato le Developer Preview Android 11 ha iniziato a ricevere la beta in maniera automatica tramite OTA.

Quali smartphone sono compatibili con la Beta di Android 11?

Pixel 2, Pixel 2 XL, Pixel 3, Pixel 3 XL, Pixel 3a, Pixel 3a XL, Pixel 4 e Pixel 4 XL.

UNISCITI AL NOSTRO GRUPPO TELEGRAM. OGNI LUNEDI' REGALIAMO BUONI AMAZON. E OGNI GIORNO TROVI OFFERTE SUPER, SELEZIONATE UNA AD UNA

🔔Hai bisogno di aiuto o assistenza? Scrivici sul nostro canale Telegram >>> QUI!

📱Cerchi smartphone scontati? Comprali al miglior prezzo su >>> Amazon!

🎯Risparmia con OfferTech su Telegram: trova le migliori offerte tecnologiche!

🌟Se hai fame di notizie, segui YourLifeUpdated su Google Newsclicca sulla stellina per inserirci nei preferiti!

VUOI AMAZON MUSIC UNLIMITED GRATIS? SCOPRI COME!

Vuoi ricevere ogni giorno i nostri articoli via email GRATIS? Scrivi la tua email qua sotto

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here