Ecco svelato il segreto del prezzo basso di Poco F1. Poco F1 ha un prezzo davvero molto basso rispetto alla concorrenza, perché costa così poco? Cosa devi sapere

Perché il prezzo di Poco F1 è così basso?

Dopo una breve attesa e a pochi giorni dalla presentazione ufficiale, Poco F1 è finalmente arrivato anche in Italia.

Nei negozi italiani lo smartphone costa 400 euro, ma in vari shop online si trova a circa 300 euro, una cifra davvero interessante se consideriamo che abbiamo a che fare con un semi-top di gamma, almeno per quando riguarda processore, RAM e memoria interna. 

LEGGI ANCHE:

A livello estetico questo Poco F1 non risulta particolarmente bello, curato o rivoluzionario, ma l’hardware molto potente e il prezzo così basso rendono Poco F1 particolarmente interessante per tantissimi utenti che vogliono prestazioni elevate senza spendere troppo.

E lo smartphone risulta interessante soprattutto per i fan del modding, che possono acquistare uno dispositivo molto potente e già pronto a sbloccare bootloader, installare recovery TWRP, ottenere il root e cambiare firmware ad un prezzo davvero allettante.

Solo 300 euro per un top di gamma, come è possibile?

Se anche tu sei attirato da Poco F1 e ti sei chiesto come sia possibile che un hardware da top di gamma sia proposto a soli 300 euro, quando solitamente a questa cifra abbiamo tra le mani dei medio-gamma, oggi ti sveliamo la verità su questo Poco F1. 

In questo articolo, infatti, cercheremo di capire insieme come può un telefono così potente essere proposto a meno della metà del prezzo chiesto dai concorrenti (vedi OnePlus 6 in primis, ma anche tutti gli altri che montano 6GB RAM e SnapDragon 845 come processore).

I 2 fattori che permettono di tenere basso il prezzo di Poco F1

Fondamentalmente il prezzo di Poco F1 è basso perché:

  • l’azienda ha risparmiato su design e materiali
  • alle spalle c’è Xiaomi che “paga”

I materiali e il design di Poco F1

Parlando del primo punto, è chiaro che Poco F1 non è il miglior smartphone lato materiali e design. Ma ci sta: a 300 euro non potevamo pretendere di più.

L’azienda avrebbe voluto usare uno schermo AMOLED, decisamente migliore di quello presente sullo smartphone, ma i costi sarebbero aumentati e di tanto.

Stessa cosa per il chip NFC; che avrebbe fatto lievitare costi.

Anche il retro in plastica ha permesso di contenere i costi di produzione, ma sinceramente lo apprezzo visto che il vetro sarebbe stato più delicato e pesante.

Poco F1 non è impermeabile: anche questa certificazione avrebbe fatto aumentare i costi.

Insomma, Poco F1 è fatto di compromessi, tutti accettabili a mio avviso per 300 euro. 

Alle spalle c’è Xiaomi

L’altro elemento importante (ancora più del primo) che ha permesso a Poco F1 di costare così poco è chiaramente l’azienda che c’è alle spalle.

Poco è infatti un sotto-brand di Xiaomi, che ha fornito tutta la catena produttiva, molte parti dell’hardware, il sensore infrarossi per lo sblocco facciale, i sensori per le fotocamere già visti su Mi Mix 2S e tanto altro ancora.

E’ chiaro che tutto questo ha permesso di risparmiare davvero tanto sia in fase di progettazione, assemblaggio, ideazione che in fase di design e testing finale.

E non dimentichiamo poi che Xiaomi è una delle aziende al mondo a produrre più smartphone, che quindi può acquistare una marea di processori SnapDragon 845, memorie RAM e memorie interne a prezzi molto più bassi della concorrenza, ottenendo un ulteriore risparmio sui già ridotti costi di acquisto di materia prima.

Infine, Poco sfrutta tutto il sistema di distribuzione, logistica e assistenza vendite di Xiaomi, altro importante fattore che permette di contenere i costi e di proporre gli smartphone a prezzi così bassi.

Xiaomi ha centri assistenza sparsi per il mondo e tutti i clienti Poco potranno rivolgersi a questi per risolvere qualsiasi genere di problema. Aprire una rete commerciale e di assistenza così fitta avrebbe inevitabilmente obbligato Poco ad aumentare il prezzo dello smartphone.

Conclusioni

Tutto questo, sommato, ha permesso a Poco F1 di costare così poco.

E non dimentichiamo infine che, come Xiaomi, anche Poco non vuole guadagnare più del 5% dalle vendite dello smartphone, altro aspetto importante che impatta direttamente sul prezzo di vendita dello smartphone, che in questo modo può rimanere basso rispetto ai concorrenti.

Ed ecco che abbiamo spiegato il segreto del prezzo così contenuto di questo smartphone, che effettivamente risulta MOLTO valido e interessante, pur non essendo perfetto.

Tu cosa hai deciso? Comprerai Poco F1? Oppure preferisci altri prodotti?

Prima di abbandonare l’articolo, ecco qualche altra informazione su questo smartphone.

Scheda Tecnica Poco F1

Poco F1 prezzo

Se vuoi comprare Poco F1 in offerta al prezzo più basso, lo trovi di seguito. Potrai portarti a casa Poco F1 al prezzo più basso:

Xiaomi Pocophone F1 6GB RAM 4G Smartphone Versione Internazionale 6GB RAM 64GB ROM - BLU ARDESIA

PocoPhone F1 6/64GB
💰 COUPON: IN OFFERTA SPECIALE
💲 PREZZO: € 307
🔗 COMPRALO SUBITO

POCOPHONE F1 dimensioni

Ecco peso e dimensioni di POCOPHONE F1:

  • 155.5 x 75.3 x 8.8 mm
  • 180 g

POCOPHONE F1 NFC

Lo smartphone NON ha chip NFC.

POCOPHONE F1 AMOLED

Lo smartphone NON ha schermo AMOLED.

POCOPHONE F1 Android One

Lo smartphone NON monta il sistema operativo Android One. L’OS è una versione alleggerita e ancora più veloce del firmware MIUI.

POCOPHONE F1 impermeabile

Lo smartphone NON ha certificazione IP68 o IP67, quindi NON è impermeabile.

🔔Hai bisogno di aiuto o assistenza? Scrivici sul nostro canale Telegram >>> QUI!

📱Cerchi smartphone scontati? Comprali al miglior prezzo su >>> Amazon!

🎯Risparmia con OfferTech su Telegram: trova le migliori offerte tecnologiche!

🌟Se hai fame di notizie, segui YourLifeUpdated su Google Newsclicca sulla stellina per inserirci nei preferiti!

VUOI AMAZON MUSIC UNLIMITED GRATIS? SCOPRI COME!

Vuoi ricevere ogni giorno i nostri articoli via email GRATIS? Scrivi la tua email qua sotto

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here