Epic Games (sviluppatore di Fortnite) ha denunciato Apple e Google. Ecco cosa sta succedendo e i motivi della denuncia. Epic Games fa causa ad Apple e Google

Fortnite RIMOSSO da App Store

Denuncia Epic Games contro Apple e Google

Era tutto programmato, studiato e organizzato nei minimi particolari: il progetto di Epic Games per scalzare il dominio monopolistico di Apple e Google ha iniziato a prendere forma nella giornata di ieri e chissà per quanto tempo andrà avanti. 

Cosa è successo in breve?

Epic Games ha deciso di andare allo scontro con Apple e Google sulle commissioni del 30% per gli acquisti in app. La software house ha proposto in Fornite un metodo di pagamento diretto che aggira le politiche di App Store e Google Play, portando Apple e Google a rimuovere il titolo. Epic Games ha avviato cause legali contro i due colossi.

Maggiori dettagli sulla vicenda

Come avrai letto, nelle ultime ore il famosissimo gioco Fortnite è stato rimosso da App Store (Apple) e Play Store (Google). Ne abbiamo parlato in due articoli dedicati:

Come avrai intuito, però, si tratta di una strategia molto chiara di Epic Games (sviluppatore di Fortnite), che ha deciso di combattere Apple e Google e la loro posizione monopolistica relativamente ad App Store e Play Store.

La mossa di Epic Games di introdurre acquisti in-app che bypassassero App Store e Play Store, infatti, è stata assolutamente consapevole e volontaria, fatta apposta per scatenare le ire dei due giganti, che prontamente hanno eliminato Forntite dai loro negozi virtuali.

A fronte di questo, Epic Games ha subito reagito con una campagna di comunicazione fortissima, potentissima, studiata a tavolino, e con una denuncia nei confronti di Apple e Google. Era tutto già pronto, si aspettava solo la reazione di Apple e Google per scatenare la guerra a livello mondiale. 

Ma esattamente perché Epic Games ha denunciato Apple e Google? Quali sono i motivi che hanno scatenato le ire degli sviluppatori?

Cerchiamo di fare chiarezza.

Perché Epic ha denunciato Apple e Google?

Il motivo in realtà è molto semplice e chiaro: i due giganti tecnologici detengono il monopolio per la distribuzione delle app e il sistema di pagamento per gli acquisti nei rispettivi eco-sistema. E gli sviluppatori di Epic, giustamente, si sono stancati di questa situazione, visto che sono obbligati a regalare il 30% dei loro introiti ad Apple e Google. 

“Epic non chiede un risarcimento danni o un trattamento di favore” – si legge negli atti depositati in Tribunale –  “ma un provvedimento ingiuntivo per consentire una concorrenza leale in questi due mercati chiave (distribuzione delle app e sistema di pagamento – n.d.r.) che interessano direttamente centinaia di milioni di consumatori e decine di migliaia, se non di più, di sviluppatori di app di terze parti.”

In pratica

Epic non ha nulla da obiettare per il fatto che Apple richieda agli sviluppatori di utilizzare l’App Store, ma ritiene ingiusto che Cupertino imponga di utilizzare i suoi metodi di pagamento, perché per ogni transazione trattiene il 30%.

Lo stesso discorso vale per Google e il suo Play Store.

Cosa succederà?

Lo scopriremo solo nei prossimi mesi.

Certo è che la situazione non è sicuramente facile anche perché tutte le argomentazioni di Epic si basano sullo Sherman Antitrust Act che risale addirittura al 1890. Non sarà facile farsi valere.

In tutto questo, poi, non dimentichiamo che l’azienda Tencent (che sviluppa Fortnite) è cinese e in questo periodo tutti quelli che provengono dalla Cina non sono visti di buon occhio dalle aziende, dai giudici e dal Presidente degli USA.

Sicuramente ci sarà un bel braccio di ferro, staremo a vedere chi la spunterà e come finirà la vicenda.

C’è comunque da segnalare che Apple ha recentemente concesso ad Amazon un’esenzione dalla commissione del 30% per la vendita di show TV e il noleggio di film tramite la sua app Prime Video, ma al tempo stesso l’azienda di Cupertino ha affermato che non vuole fare accordi simili con Epic, anche perché un accordo speciale di questo tipo potrebbe minare l’intera architettura del suo store.

Una cosa è certa: prepariamoci a botta e risposta continui e colpi di scena inattesi.

Nel frattempo, comunque, anche Spotify si è espresso in difesa di Epic Games e delle motivazioni che hanno portato gli sviluppatori a denunciare Apple e Google. 

🔔Hai bisogno di aiuto o assistenza? Scrivici sul nostro canale Telegram >>> QUI!

📱Cerchi smartphone scontati? Comprali al miglior prezzo su >>> Amazon!

🎯Risparmia con OfferTech su Telegram: trova le migliori offerte tecnologiche!

🌟Se hai fame di notizie, segui YourLifeUpdated su Google Newsclicca sulla stellina per inserirci nei preferiti!

VUOI AMAZON MUSIC UNLIMITED GRATIS? SCOPRI COME!

Vuoi ricevere ogni giorno i nostri articoli via email GRATIS? Scrivi la tua email qua sotto

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here