YouTube Music vs Spotify: Quale E’ Il Miglior Servizio Di Streaming Musicale?

0

Servizi di streaming musicale a confronto: YouTube Music vs Spotify. E’ meglio fare l’abbonamento a YouTube Music o a Spotify? Pro e contro di ogni piattaforma

YouTube Music vs Spotify

Come abbiamo visto nella giornata di ieri, finalmente YouTube Music è sbarcato anche in Italia per fare concorrenza a Spotify nello streaming musicale. 

Adesso che possiamo appoggiarci anche al servizio di Google per ascoltare canzoni e musica in streaming, scegliere tra YouTube Music e Spotify diventa ancora più difficile.

Se anche tu sei indeciso se fare un abbonamento a YouTube Music oppure a Spotify, in questo articolo cercheremo di chiarirti le idee, mettendo a confronto i due servizi di musica in streaming e cercando di capire quale sia il migliore. 

Capisco bene, infatti, che scegliere tra YouTube Music e Spotify non sia affatto facile: da una parte tutto il database di canzoni di Google, dall’altra un servizio di streaming ormai consolidato e affidabile, con un catalogo che comunque è ottimo.

Ma, come vedremo di seguito, YouTube Music e Spotify hanno punti di forza e debolezza che sicuramente ti faranno propendere per l’uno o per l’altro servizio. Cerchiamo di analizzarli insieme per capire quale faccia al caso tuo. 

Piani, prezzi e limiti

Iniziamo dicendo che entrambi i servizi hanno una versione gratuita e una a pagamento. 

Entrambi, in quella gratuita, NON permettono il download delle canzoni per l’ascolto offline senza internet. Entrambi, inoltre, hanno pubblicità tra una canzone e l’altra nella versione gratuita. Spotify però permette di spegnere lo schermo dello smartphone e di ascoltare canzoni in background anche senza abbonamento a pagamento, mentre YouTube Music non lo permette. Questo significa che YouTube Music consuma più batteria e, trattandosi di video in streaming al posto di canzoni, consuma anche più traffico internet. 

Nella versione gratuita, dunque, vince Spotify, che però permette di saltare da una canzone all’altra solo per poche volte, poi blocca gli “skip”, cosa che invece YouTube Music non fa.

Passando ai prezzi delle versioni con abbonamento, sono uguali: 10 euro al mese per utente singolo, 15 euro al mese per piano famiglia.

Da segnalare che YouTube Music offre anche una versione più potente, chiamata YouTube Premium, che per 12 euro al mese (o 17 per la famiglia) permette di rimuovere la pubblicità anche da YouTube, di scaricare musica da YouTube e soprattutto di guardare video di YouTube in background con schermo spento. 

Libreria e selezione musicale

Spotify ha 30 milioni di canzone a catalogo. YouTube Music ancora no.

Però YouTube Music offre molte canzoni non presenti su Spotify e comunque tutte le canzoni più note sono presenti anche su YouTube Music.

Su YouTube Music, rispetto a Spotify, potrai trovare canzoni live, concerti, remix, eventi e tanto altro ancora che invece non c’è su Spotofy.

In breve: Spotify ha più canzoni ufficiali, ma YouTube Music ne ha molte di più da ascoltare.

C’è però da dire che la libreria di canzoni è attualmente gestita meglio da Spotify, ma è solo questione di tempo prima che YouTube Music si organizzi per il meglio.

Stazioni e mixtape – battaglia di algoritmi

Spotify ad oggi offre un algoritmo davvero potente, preciso e in grado di consigliarci le canzoni più adatte ad ogni momento della giornata, stato d’animo e così via. E non dimentichiamo tutte le funzioni intelligenti come Discover Weekly e via dicendo. In generale questo servizio di streaming è davvero valido per scoprire nuove canzoni potenzialmente interessanti, senza incappare in brani che sicuramente non ci piaceranno.

Ad oggi YouTube Music è molto più limitato da questo punto di vista e ha molte meno funzioni. Sicuramente migliorerà in futuro, ma per ora Spotify vince per quanto riguarda algoritmo, funzioni intelligenti e proposta di brani nuovi o adatti alle diverse occasioni.

C’è però da dire che la funzione Mixtape di YouTube Music funziona egregiamente: una volta avviata, propone brani in linea con i nostri gusti e migliora col tempo. Più usiamo questa funzione, più diventa precisa. Nei test che ho fatto, il Mixtape di YouTube Music mi ha proposto brani molto più in linea con i miei gusti rispetto a quanto faccia quotidianamente Spotify, programma che uso da anni e che ancora non mi conosce alla perfezione.

In sostanza l’algoritmo di YouTube Music funziona molto meglio di quello di Spotify, ma deve essere un pò rodato e bisogna aggiungere qualche nuova funzione.

Molto interessante poi la funzione Offline Mixtape, esclusiva di YouTube Music: l’algoritmo basato sul nostro Mixtape genera una playlist di canzoni che vengono aggiornate e riscaricate quotidianamente. Possiamo scegliere fino a 100 canzoni da includere in playlist e il programma quotidianamente le riscarica e riaggiorna per noi. E’ come un Daily Mix di Spotify, solo più intelligente e “scaricabile” velocemente. Molto utile questa funzione!

Stabilità e qualità del suono

Da questo punto di vista vince Spotify, che ha un’interfaccia migliore, più completa e meglio organizzata.

Ma sono sicuro che YouTube Music nei prossimi mesi migliorerà molto da questo punto di vista.

Anche la qualità delle canzoni è migliore su Spotify, dove arriviamo fino a 320 kbps. Su YouTube Music arriviamo invece a 128 kbps: non male, ma il concorrente fa meglio.

YouTube Music is still its early stages and is lacking a great many features. There are serious UI bugs, especially when using the app offline, casting, and trying to manage or browse your own library, as every category in Your Library is sorted by date added rather than name.

Spotify supporta anche Android Auto, mentre YouTube Music ancora non lo fa.

Per ora Spotify è meglio…

Insomma, in conclusione al momento ti consiglio di mantenere il tuo abbonamento a Spotify e magari di provare YouTube Music grazie al mese di prova gratis.

Per ora il servizio di streaming musicale di Spotify è più semplice da usare, completo, con una migliore qualità audio e tante funzioni personalizzate per trovare il brano perfetto per ogni occasione o esigenza.

… ma presto YouTube Music sarà il re

Sono però convinto che nel giro di qualche mese YouTube Music diventerà così potente da superare Spotify sotto ogni punto di vista.

Già ora l’algoritmo di YouTube Music è spettacolare. Quando arriveranno le funzioni attualmente mancanti allora sarà il momento di abbandonare Spotify per passare a YouTube Music.

Tanto già oggi stiamo usando tutti YouTube per la musica. Google deve solo darci il giusto motivo per pagare il servizio. E nei prossimi mesi ci riuscirà. 

Tu cosa ne pensi?

Tu hai già provato YouTube Music? Cosa ne pensi? Facci sapere nei commenti a fine articolo se preferisci YouTube Music o Spotify. 

LEGGI ANCHE:

Download YouTube Music

Chiudiamo l’articolo con i link per scaricare YouTube Music dai rispettivi store per Android e iOS:

Per questo articolo è davvero tutto.

Non perdere nessuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale:

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here