Perché consigliano di caricare la batteria del cellulare tra il 20% e l’80%? Ecco cosa devi fare per caricare al meglio la batteria del cellulare

Come caricare al meglio la batteria del cellulare

Come allungare la vita della batteria del cellulare

Parlando con amici e conoscenti esperti di tecnologia ti è stato detto che, per allungare la vita della batteria del cellulare, non la devi caricare per più dell’80%?

E magari ti è anche stato detto che non devi mai fare scendere la carica della batteria del cellulare sotto al 20%?

E’ corretto!

Se vuoi caricare al meglio la batteria del tuo smartphone e fare in modo che duri il più possibile, non devi mai scaricarla sotto al 20% o più dell’80%. Ma esattamente perché bisogna fare così? E soprattutto, questa regola vale per tutte le batterie ricaricabili o solo per quella dei cellulari?

Cerchiamo di capirlo insieme!

La regola vale per TUTTE le batterie

Prima di tutto, un chiarimento: la regola 20-80 vale per TUTTE le batterie ricaricabili; non solo quelle degli smartphone, ma anche quelle delle automobili ad esempio (comprese le nuove macchine completamente elettriche come le Tesla, per capirci).

Anzi, la regola vale SOPRATTUTTO per le automobili, dove le batterie sono molto capienti e devono durare anni; sugli smartphone la regola è comunque valida, ma l’impatto è minore visto che spesso un telefono non lo teniamo per oltre 2-3 anni e di conseguenza la batteria non fa in tempo a perdere efficienza anche caricandola “male” senza seguire la regola.

Come funziona una batteria ricaricabile?

Ovviamente per capire il motivo preciso per il quale la batteria non va mai fatta scaricare sotto al 20% e mai fatta ricaricare oltre l’80% bisogna essere esperti in materia e conoscere bene il funzionamento di questi prodotti.

Visto che NON sono né esperto né competente in materia, cercherò di darti le nozioni basilari che ti permetteranno comunque di capire come funziona una batteria ricaricabile e come ricaricarla al meglio per allungare la vita della stessa.

Le batterie ricaricabili al litio (quelle più usate oggi, in pratica) sono composte da 3 elementi:

  • polo positivo
  • polo negativo
  • mezzo di trasferimento (elettrolita)

Uno dei poli è a sua volta composto da determinati elementi chimici, tra cui figura anche il litio, mentre l’elettrodo negativo è composto da un altro materiale, solitamente grafite (ma non sempre).

Quando la batteria si carica, il polo positivo rilascia degli ioni di litio che, attraverso l’elettrolita, si spostano verso il polo negativo. Questo spostamento permette di immagazzinare energia.

Quando la batteria viene usata, avviene il contrario: gli ioni si spostano verso il polo positivo rilasciando energia, che viene usata per alimentare i dispositivi tecnologici.

La quantità degli ioni di litio presenti nei due poli determina il bilanciamento della batteria: quando la carica è al 50%, la batteria si trova in una situazione di minimo stress perché il bilanciamento degli elementi chimici tra i due poli è perfetto.

Quello che bisogna evitare è che uno dei due poli perda troppo litio: in quel caso la struttura atomica dei materiali chimici che compongono i poli “va a pezzi”, e se questo accade impatta sulla funzione di questi materiali, rendendoli impossibilitati a continuare lo scambio di elementi e, di conseguenza, rende impossibile la ricarica e la generazione di energia.

Ecco, questo concetto base è piuttosto semplice, ma comunque idoneo per capire il funzionamento di una batteria ricaricabile.

Da quanto abbiamo detto, appare chiaro il motivo per cui bisogna evitare che la batteria sia carica al 100% o scarica allo 0%: in questi casi, infatti, uno dei due poli si trova con pochissimi ioni di litio al suo “interno” e si potrebbero verificare problemi.

Se succede ogni tanto, non è un problema

E’ comunque importante sottolineare che se capita qualche volta che la batteria venga ricaricata o scaricata completamente, questo non rappresenta un grosso problema per la stessa.

L’importante è evitare di farlo costantemente, altrimenti si rischia di:

  • ridurre la capacità di ricarica totale della batteria (se arriva al 100% troppo spesso)
  • non riuscire più a ricaricare la batteria (se arriva allo 0% troppo spesso)

I nostri smartphone ci aiutano!

Fortunatamente, se non siamo sufficientemente attenti alla gestione ottimale della nostra batteria, i telefoni ci vengono in aiuto via software.

iPhone di Apple, ad esempio, tende a non ricaricare mai completamente la batteria proprio per evitare i problemi dei quali abbiamo appena parlato. Molti dispositivi Android, invece, usano la ricarica lenta quando non è necessario ricaricare velocemente la batteria.

Tutti i dispositivi, sia Android che iOS, tendono infine a spegnersi completamente prima che la batteria arrivi allo 0% sempre per i motivi che abbiamo appena elencato.

Insomma, se non siamo attenti a caricare al meglio la batteria del cellulare, il telefono stesso viene in nostro soccorso.

Senza dimenticare, comunque, che spesso e volentieri il cambiamo i telefoni troppo velocemente affinché riusciamo a notare un effettivo calo di efficienza della batteria. E poi, se la batteria dello smartphone dovesse essere effettivamente “rovinata”, è possibile sostituirla spendendo pochi euro, risolvendo il problema alla radice.

Il discorso cambia invece quando parliamo di bici elettriche, monopattini elettrici, auto elettriche e scooter/moto elettriche: qui cambiare la batteria è molto più caro e invasivo e solitamente il dispositivo resta con noi abbastanza tempo da permetterci di notare eventuali cali di efficienza. Su questi dispositivi, dunque, è importante caricare correttamente la batteria per evitare di rovinarla in modo irreparabile.

Come ricaricare correttamente la batteria dello smartphone – Conclusioni

Bene, con questo articolo abbiamo concluso. Abbiamo visto come salvare la batteria del cellulare e soprattutto perché non bisogna mai scendere sotto al 20% o salire oltre l’80%.

Spero di aver fatto chiarezza una volta per tutte su come caricare nel modo corretto la batteria del telefono cellulare (e anche di altri dispositivi elettronici, compreso il notebook o il computer portatile, ma anche il tablet).

In caso di dubbi o domande, lascia un commento a fine articolo: ti risponderò il prima possibile!

Buona ricarica a tutti!

🔔Hai bisogno di aiuto o assistenza? Scrivici sul nostro canale Telegram >>> QUI!

📱Cerchi smartphone scontati? Comprali al miglior prezzo su >>> Amazon!

🎯Risparmia con OfferTech su Telegram: trova le migliori offerte tecnologiche!

🌟Se hai fame di notizie, segui YourLifeUpdated su Google Newsclicca sulla stellina per inserirci nei preferiti!

VUOI AMAZON MUSIC UNLIMITED GRATIS? SCOPRI COME!

Vuoi ricevere ogni giorno i nostri articoli via email GRATIS? Scrivi la tua email qua sotto

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here